Anche per quanto riguarda il mutuo agevolato giovani il governo si è espresso, promulgandone tutti i dettagli relativi all’anno 2021. Questo è stato appena approvato dal consiglio dei ministri e ha non poche novità, proprio per poter aiutare tutti i più giovani nel loro acquisto della prima casa. Ecco tutti i dettagli da conoscere!

Le generalità sul mutuo agevolato giovani 2021

mutuo giovani agevolato informazioni

Il mutuo agevolato giovani 2021 è stato finanziato nel Decreto Sostegni Bis, ed è pensato proprio per incentivare i giovani all’acquisto della loro prima casa. Esso riguarda ragazzi under 36 con dei determinati requisiti di reddito. Questo include non soltanto dei tassi estremamente agevolati, ma anche una riduzione delle tasse da versare sull’acquisto di un immobile, nonché sulla sua costruzione e/o ristrutturazione.

I requisiti per richiedere il mutuo agevolato giovani 2021

Per poter richiedere il mutuo agevolato giovani 2021 bisogna innanzitutto avere meno di 36 anni, ma un altro requisito fondamentale è quello di avere un ISEE inferiore ai 40.000 €. In questo caso il giovane non dovrà versare delle imposte di registro e quelle catastali sull’immobile. Questa tipologia di mutuo vale anche per le imprese, anch’esse gestite da under 36, tuttavia in questo caso bisognerà sempre versare l’IVA del 4%, la quale ti verrà restituita sotto forma di tax credit per la stessa impresa.

LEGGI ANCHE – Superbonus 110%: a chi spetta e come funziona. La guida

In tutti i casi è necessario che l’immobile sia prima casa e disponga di tutti i requisiti per poter ottenere il finanziamento in questione.

Le novità e le differenze da conoscere sul mutuo agevolato giovani 2021

mutuo agevolato giovani novità

In quest’anno un elemento che non figura più è il supporto nelle spese del notaio per l’acquisto della casa. Nelle bozze era stata prevista la riduzione del 50% nelle spese notarili, tuttavia ciò non è presente nel decreto definitivo.

È molto importante specificare un punto a favore dei giovani nel decreto, che indica l’esenzione dal pagamento delle imposte sostitutive del governo, pari allo 0,25% sul totale, tuttavia solo nel caso in cui il mutuo fosse richiesto per la ristrutturazione, la costruzione oppure l’acquisto della prima casa, sempre se tutti i requisiti in materia siano rispettati.