22.8 C
Rome
lunedì, Settembre 20, 2021
Home Risparmio gestito Fondi immobiliari

Fondi immobiliari

Tra le tante modalità di investimento e di gestione del risparmio, i fondi immobiliari sono senza dubbio una delle più ricercate e praticate. Ma quando un fondo può dirsi immobiliare, e in cosa consiste esattamente? Sono queste le domande preliminari che è necessario porsi prima di affrontare qualsiasi notizia sui fondi immobiliari.

In questa categoria del sito troverai tutte le novità sui fondi immobiliari ma anche una serie di articoli dal taglio didattico che ti saranno molto di aiuto per conoscere più da vicino l’argomento e magari prendere in considerazione questo strumento per investire i tuoi risparmi oggi.

Il nome del fondo immobiliare chiarisce già molto delle sue caratteristiche, dato che un fondo prende questa denominazione quando il suo investimento è caratterizzato per (almeno) due terzi da beni immobili, diritti reali immobiliari e partecipazioni in società immobiliari. In genere, l’opzione dell’investimento in un fondo immobiliare viene perseguita da chi non ha intenzione di procedere all’acquisto del bene immobile vero e proprio, perchè la ritiene un’eventualità meno vantaggiosa.

Fondi immobiliari, come funzionano? Le risposte a tutti i dubbi





In effetti è così, dato che il fondo immobiliare consente di acquistare solo la quota finanziaria del fondo, anche se la somma investita non potrà essere recuperata prima della data di scadenza: si va da un minimo di 10 ad un massimo di 30 anni.

Ma come funziona esattamente un fondo immobiliare? Prima di tutto va spiegato che il fondo mette a disposizione delle quote che fanno parte di un portafoglio. Ognuna di queste quote può essere acquistata tramite la sottoscrizione: gli aderenti possono quindi comprare una quota – o anche più di una, ndr – fino al raggiungimento della soglia massima di quote. Arrivati a quel punto, la sottoscrizione si chiude.

In base alle proprie caratteristiche il fondo immobiliare procederà all’acquisto di beni immobili. Alla scadenza del fondo immobiliare si farà una valutazione degli immobili: se durante gli anni il valore di questi è aumentato, gli investitori potranno avere indietro non solo la quota investita, ma anche la cifra che fa riferimento al guadagno relativo alla crescita del valore dell’immobile; se invece l’immobile risulta di un valore più basso rispetto a quello stabilito al momento dell’acquisto, ecco che la cifra ottenuta dall’investitore sarà ovviamente inferiore a quella investita al momento della sottoscrizione. Va precisato che molti di questi fondi immobiliari sono anche quotati in borsa: in questo caso, l’investitore può anche procedere alla liquidazione della sua parte prima della scadenza del fondo.

Investire nei fondi immobiliari conviene? Ma quando?

I fondi immobiliari sono chiaramente una soluzione molto adatta se si ha intenzione di effettuare un investimento a lungo termine e non si ha necessità di capitalizzare subito. Ad esempio tanti italiani incerti su come investire i risparmi per i figli, ricorrono a questo strumento.

L’immobilizzazione materiale di lungo periodo è senza dubbio un’alternativa ad altri strumenti finanziari, come ad esempio l’investimento in Borsa, ed esattamente come le altre modalità è caratterizzata da vantaggi e svantaggi. Ecco perchè l’investitore deve prima conoscere a fondo tutto ciò che riguarda i fondi immobiliari, in modo tale da poter decidere se questo strumento può davvero fare al caso proprio.

Solo assumendo questo approccio è possibile informarsi con un’ottica costruttive sulle novità del mercato dei fondi immobiliari.

Tra i vantaggi principali c’è sicuramente il fatto che investire in un fondo immobiliare non comporta rischi troppo elevati. Questo strumento, infatti, non è regolato dal mercato azionario, che molto spesso è caratterizzato da un andamento a dir poco frenetico. Se si vuole investire il proprio capitale a medio o lungo termine, ecco che la scelta dei fondi immobiliari può rivelarsi particolarmente indovinata, anche se non si possono escludere problematiche finanziarie anche per gli investimenti di questo tipo (come avvenuto con la crisi del 2008, ndr). Lo svantaggio più evidente, invece, è proprio ciò di cui parlavamo prima, ovvero dell’impossibilità di recuperare la somma investita prima della scadenza del fondo stesso, fatta eccezione per i fondi quotati in borsa.

Dove investono i fondi immobiliari? I settori più ricercati

Come puoi vedere in questa categoria troverai notizie sui migliori fondi immobiliari senza preferenza di settore. Questo perchè gli ambiti di investimento sono molto diversi tra loro e questo è molto importante quando ci si chiede come diversificare i risparmi.




Quali sono i settori dove troviamo una maggiore presenza di investimenti con questo strumento finanziario? Naturalmente il mercato residenziale è uno dei più gettonati, ovvero case, abitazioni e appartamenti di qualsiasi tipologia e in qualunque zona. Tuttavia, troviamo i fondi immobiliari anche in molti altri campi, come ad esempio il comparto commerciale: centri commerciali, quindi, ma anche supermercati e in tempi più recenti persino gli outlet. I fondi immobiliari investono anche nel settore logistico e produttivo, dove le aziende italiane tendono ad avere un livello di outsourcing più contenuto rispetto al resto d’Europa, e nel mercato immobiliare degli uffici.

Una recente analisi sul portafoglio dei fondi immobiliari in Italia ha evidenziato come sia aumentata anche la destinazione d’uso verso le residenze sanitarie-assistenziali e gli hotel, assieme a posti auto, magazzini, villaggi turistici, caserme, capannoni industriali, multisale cinematografiche.

Sempre nell’analisi, è emerso che la scelta degli immobili, a livello geografico, ricade principalmente sulle regioni del Nord Italia (ed in particolar modo in città come Milano e Bologna, ndr), seguite da quelle del Centro Italia.