Quali sono i Pos più convenienti del 2022? Questa è la domanda che ci è stata posta da numerosi nostri lettori che sono alle prese con la scelta del Pos per la propria attività. Orientarsi tra le varie offerte non è semplice anche perchè negli ultimi tempi sono sbarcati sul mercato dispositivi tecnologicamente avanzati e dal prezzo molto competitivo. Fino a pochi anni fa i Pos disponibili erano molto pochi e prezzi tutt’altro che accessibili.

Grazie all’incremento della domanda, l’offerta si è mossa di pari passo e i costi si sono abbassati notevolmente.

Risultato di questa evoluzione è una crescente difficoltà ad individuare i Pos più convenienti.

Nome modelloSumUp SolomyPOS GOAxerve Easy a commissioni
Canone
Commissioni1,95%1.20% + € 0.051% + bollo attivazione
Costo79,99 €9,99 €170 € per smart pos
Credito d’imposta ✔️✔️✔️
Richiesta OnlineOnlineOnline

Che tu sia un piccolo negoziante, un professionista o un grande esercente, poco cambia: per la tua attività oggi non puoi più fare a meno dei Pos. Ma quale scegliere basandosi sul criterio della maggiore convenienza?

Nei prossimi paragrafi analizzeremo l’argomento chiarendo non cosa si intende per Pos conveniente ed elencando quelli che sono i dispositivi più vantaggiosi del 2022.

I Pos in pillole

Per chi fosse completamente a digiuno di questo argomento, ricordiamo che il POS è un dispositivo che consente l’accettazione di pagamenti con carte di credito, debito e prepagate, mediante lettura di un chip o della banda magnetica posta sul retro della tessera. I moderni POS sono anche in grado di consentire il pagamento con dispositivi ancora più innovativi, come gli smartphone e gli smartwatch a cui è stato precedentemente collegato un wallet.

LEGGI >>> Obbligo Pos: sanzioni dal 30 giugno, la multa è doppia

Ad oggi esistono diverse tipologie di Pos, tra le quali ciascun professionista o imprenditore potrà certamente trovare la propria preferita:

  • Fisso: è la forma tradizionale di Pos. Si tratta di un dispositivo connesso alla linea telefonica tramite cavo, per l’elaborazione dei pagamenti
  • Wireless: è il Pos dotato di una base fissa, ma con una parte removibile per essere utilizzata a distanza, mediante connessione Bluetooth, generalmente entro 10-15 metri di distanza (utile, pertanto, nei locali meno ampi)
  • GSM/GPRS: è il Pos dotato di una scheda SIM che consente l’effettuazione di transazioni anche se non c’è linea fissa. Viene usato soprattutto da chi ha bisogno di postarsi frequentemente laddove non è possibile essere raggiunti da una linea telefonica o dal segnale Bluetooth
  • Mobile: è l’evoluzione dei Pos, prevedendo una semplice connessione a uno smartphone o a un tablet su cui è installata l’app del terminale.

Pos più conveniente 2022: classifica

Chiarito quanto sopra, cerchiamo di comprendere quali siano i Pos più convenienti del 2022 con la nostra classifica aggiornata che abbiamo stilato dopo aver passato in rassegna quelli che riteniamo essere i criteri di selezione più importanti. Ne parliamo nel prossimo paragrafo.

Cosa significa convenienza Pos

Per individuare i Pos più convenienti del 2022 abbiamo scelto di valutare tutte le principali alternative oggi a disposizione sul mercato sulla base di cinque punti di attenzione:

  1. Costi
  2. Velocità di accredito
  3. Connessione
  4. Metodi accettati
  5. Funzionalità.

Soffermiamoci, pur in brevità, su ciascuno di essi.

Costi

Quello dei costi è, probabilmente, uno dei criteri più sentiti da tutti gli esercenti. Tuttavia, se è vero che molte persone vanno alla spasmodica ricerca di Pos senza commissioni, altrettante sottovalutano l’importanza di soffermarsi sulla necessità di analizzare con dedizione i costi, nella convinzione errata che, più o meno, tutti i Pos hanno le medesime condizioni. Ebbene, non è così!

I costi del Pos, fissi e variabili, sono infatti molto diversi tra di loro. E quando si guarda al costo di un Pos non bisogna mai soffermarsi sul solo prezzo di affitto o di acquisto del dispositivo, quanto anche sulle commissioni sulle singole transazioni, sulle penali per la cessazione del servizio, e così via.

Velocità di accredito

Una volta che il cliente effettua il pagamento sul Pos, il denaro non viene accreditato immediatamente sul conto dell’esercente. I tempi di accredito variano a seconda delle condizioni del gestore del Pos ma, orientativamente, sono compresi tra 2 e 3 giorni lavorativi.

È pur vero che alcuni terminali sono collegati a un conto proprio, consentendo di ricevere il controvalore quasi istantaneamente.

Connessione

Nella classifica dei migliori Pos che vedremo tra qualche riga abbiamo preso in considerazione solamente le nuove generazioni di point of shopping, prevalentemente mobile. Si tratta infatti della versione più versatile e semplice da usare, oltre che di quella economicamente più competitiva.

I pos più convenienti 2022

55555
  • Nessun canone
  • 1.20% + € 0.05 di commissioni
  • Costo 19 euro (modello GO)
  • Assistenza clienti
Leggi la Recensione oppure Vai al sito →
55555
  • Nessun canone (modello a commissioni)
  • 1% di commissioni
  • Costo 170 euro
  • Assistenza clienti
Leggi la Recensione oppure Vai al sito →
55555
  • Nessun canone
  • 1,95% fisso di commissioni
  • Costo 79,99 euro (modello Solo)
  • Assistenza clienti
Leggi la Recensione oppure Vai al sito →

Metodi accettati

Un altro criterio molto importante nella scelta di un fornitore di Pos è sicuramente quello dei metodi di pagamento accettati. Sebbene molto dipenda dalle specifiche esigenze dell’esercente (il gestore di un ristorante in una località turistica di vocazione internazionale avrà evidentemente delle necessità diverse di quelle di un commercialista locale), in linea di massima è sempre bene che il Pos possa accettare quanti più strumenti di pagamento possibili, e non solamente le “classiche” carte Visa e Mastercard.

È inoltre importante che il Pos accetti non solo le carte, quanto anche tutti quegli strumenti di pagamento che sono oggi in crescente diffusione e che non si avvalgono di tessere per poter essere veicolati, come ad esempio avviene con l’uso degli smartphone e dei wearable device con chip NFC. Ancora, il terminale Pos deve essere in grado di riconoscere almeno i metodi di pagamento Apple Pay, GPay e similari.

Funzionalità

L’ultimo criterio di scelta che abbiamo compreso è quello delle funzionalità extra. Si pensi alla possibilità di abilitare il proprio Pos ad operazioni alternative come le ricariche telefoniche.

Pos più convenienti 2022: quali sono

Fatte salve le premesse di cui sopra, di seguito abbiamo individuato quali siano 3 Pos più convenienti nel dettaglio, sulla base dell’analisi congiunta di tutti i criteri sopra esposti.

Axerve

In questa lista dei Pos più convenienti del 2022 iniziamo da Axerve che, con il suo Easy Pos, propone un pratico strumento per gestire la propria attività professionale o commerciale.

Il Pos Axerve è un Pos mobile, utilizzabile ovunque si desideri grazie a una scheda SIM integrata e una batteria di lunga durata: compatibile con tutte le tipologie di carte e con i sistemi digitali più diffusi (come Apple Pay e Google Pay), ha un costo mensile che dipende dalle proprie scelte e dalle caratteristiche della propria attività.

Il cliente può infatti scegliere tra un canone mensile che parte da soli 17 euro + IVA e una commissione variabile pari all’1% del valore della transazione.

La richiesta dell’Axerve Easy Pos è semplice e intuitiva. Basta collegarsi sul sito ufficiale Axerve (qui) e seguire le istruzioni a video.

myPos

Una delle migliori alternative ad Axerve è myPos. Pos portatile di nuova generazione, è disponibile in quattro diverse versioni (Go, Carbon, Cassa Mini e Combo), consentendo così al cliente di poter individuare il modello volta per volta più adatto alle proprie esigenze.

Particolarmente competitive le condizioni economiche riservate agli esercenti, grazie anche a numerose promozioni che vengono periodicamente rinnovate: il terminale myPos Go, insieme a una Carta Visa Business Gratuita ha un costo di 29,90 euro (attenzione perchè spesso myPOS applica delle offerte che lo rendono ancora più vantaggioso).

Si tenga poi conto che ai costi di cui sopra occorre aggiungere le commissioni periodiche, considerato che non ci sono formule di locazione fissa: il costo sulle singole transazioni è pari all’1,20% sulle entrate. Se poi lo si desidera, c’è anche la disponibilità di ottenere un conto e-money da utilizzarsi con la carta in dotazione, i cui costi dipendono dall’operatività posta in essere.

Anche la richiesta dei myPos è molto semplice: sarà sufficiente collegarsi sul sito ufficiale myPos e seguire le istruzioni a video.

SumUP

Chiudiamo l’elenco dei migliori Pos del 2022 con SumUP, un innovativo Pos portatile contactless privo di canone mensile e con abilitazione a tutti i principali strumenti transazionali.

Disponibile in tre versioni principali (Air, Solo e 3G+Stampante), SumUP ha come unica spesa da affrontare la trattenuta dell’1,95% applicata a ogni transazione eseguita. Per saperne di più leggi il post su costi, commissioni e offerte pos SumUp.

A prescindere del modello scelto, il Pos SumUp può essere richiesto il pochi minuti attraverso il sito ufficiale società. Ad esempio per richiedere il Pos di ultima generazione Solo è sufficiente andare su questa pagina>>>clicca qui.