Hai letto o sentito qualcosa a proposito del POS portatile e vuoi saperne di più?
Se hai un’attività o pensi di avviarla qui troverai tutte le informazioni necessarie per comprendere come funziona e a chi realmente conviene procurarsi un POS portatile.

POS portatile: come funziona?

Il POS portatile funziona in modo analogo rispetto a quello tradizionale. La sola differenza con il secondo è che quello portatile è quasi sempre più leggero, maneggevole e senza fili.

Lato cliente, il funzionamento del POS portatile è identico a quello di ogni altro POS: si avvicina o inserisce la carta e si digita il PIN autorizzativo.

Viceversa, lato esercente, chi preferisce questo strumento dovrà procedere a una rapida configurazione iniziale che si illustrerà a breve.
Alcuni modelli di POS portatile prevedono la possibilità di stampare la ricevuta cartacea e tutti permettono di inviare la ricevuta via e-mail o SMS al cliente. Inoltre, si possono ottenere servizi che permettono di interfacciare il proprio POS portatile con il sistema di gestione magazzino, la contabilità sul cloud e tutta una serie di altre funzioni ad alto valore aggiunto.

LEGGI >>> Obbligo Pos: sanzioni dal 30 giugno, la multa è doppia

POS portatile: configurazione e uso

Il POS portatile prevede una configurazione iniziale secondo le modalità comunicate dal fornitore: in buona sostanza si inseriscono i dati del proprio account di servizio, in modo da far si che i pagamenti ricevuti siano depositati sul proprio conto corrente personale.

Eventualmente, potrebbe essere necessario associare via Bluetooth allo smartphone che fornisce la connessione Internet, un po’ come si fa con lo smartwatch o gli auricolari.

POS portatile: mobile o cordless?

Di fronte alle due opzioni, POS portatile mobile o cordless, che saranno esposte a breve, ci si potrebbe chiedere quale sia da preferire: la scelta dipende dalle esigenze, con la versione mobile che consente di offrire il pagamento elettronico al domicilio del cliente.
Tra l’altro, esistono offerte che prevedono la SIM dati gratuita o la connessione via Bluetooth allo smartphone, così da non generare ulteriori costi.

Entrambe le opzioni di POS portatile (mobile e cordless) possono essere usate sia da esercenti titolari di partita IVA ma anche da chi non è registrato al fisco (in tal caso si parla di POS senza partita IVA)

POS portatile cordless senza fili

Il POS portatile cordless funziona collegandosi via Bluetooth o Wi-Fi alla postazione base che rimane collegata via cavo alla rete telefonica, esattamente come un POS tradizionale. Il terminale, ovvero il POS cordless, può operare entro una distanza massima dalla sua base ma per il resto funziona esattamente come il POS portatile mobile, ma naturalmente non richiede SIM dati né connessione allo smartphone.

POS portatile mobile

A differenza del modello cordless, il POS portatile mobile è operativo letteralmente ovunque, purché ci sia campo per la connessione 3G/4G. Opera mediante una SIM dati, a volte fornita a corredo gratuitamente, o previo collegamento Bluetooth a uno smartphone connesso a Internet.
In quest’ultimo caso il POS portatile mobile è accompagnato da una password per associarlo al proprio smartphone.

Vantaggi del POS portatile

I vantaggi del POS portatile sono rilevanti soprattutto per il modello di POS mobile: adottarne uno consente di muoversi senza portar dietro i contanti, di non pensare preventivamente all’eventuale resto e non dover passare dall’ATM per depositare l’incasso del giorno.

Tuttavia, il vantaggio maggiore per l’impresa consiste nella visibilità e nel gradimento della clientela, che considera il POS portatile mobile come un indice di professionalità: la possibilità di pagare a domicilio senza l’uso dei contanti o al tavolo, senza dover consegnare la carta o passare dalla cassa, garantiscono un’esperienza sempre molto apprezzata.

POS portatile: quanto costa?

Il modello dei costi varia in funzione del fornitore, con eventuali componenti fisse e variabili dipendenti dal giro d’affari e dal piano sottoscritto.

A titolo d’esempio, myPOS (qui il sito ufficiale) offre un ventaglio completo e diversificato di terminali in vendita, con costi crescenti in ragione delle funzionalità: da 19,00 € fino a 249,00 €.

Axerve (consulta il sito ufficiale), viceversa, offre un modello di pagamento libero da costi iniziali, eccetto l’imposta di bollo, e un canone mensile di 17,00 o 22,00 euro + IVA, a seconda del giro d’affari.

Entrambi i modelli di costo sono validi e la scelta dipende dal proprio modello di business.

Sulle commissioni eventualmente previste, si ottiene uno bonus fiscale del 30%.

Migliori POS portatili: Axerve

Per ottenere un POS portatile Axerve basta richiederne uno sul sito ufficiale, compilando il form e scegliendo il piano di servizio più adatto al proprio business.

– Offerta Easy a canone

  • per chi ha un volume d’affari di non più di diecimila euro l’anno: canone mensile di 17,00 € + IVA
  • per chi ha un volume d’affari di non più di trentamila euro l’anno: canone mensile di 22,00 € + IVA
  • canone comprensivo nel noleggio: prevista un’imposta di bollo per l’attivazione del servizio di 16 €.
  • SEMPRE zero commissioni (qui la guida ai migliori POS senza commissioni)

Vuoi scoprire le condizioni dell’offerta Axerve Easy a canone? Clicca qui e accedi alla pagina ufficiale

– Offerta Easy a commissioni

  • zero canone mensile (è previsto solo il pagamento di un’imposta di bollo di 16 euro per l’attivazione del servizio
  • canone annuo di 100 € + IVA
  • 1,4% di commissioni

Vuoi scoprire le condizioni dell’offerta Axerve Easy a commissioni? Clicca qui e accedi alla pagina ufficiale

I migliori POS portatili: myPOS

In quanto a servizi e terminali, myPOS appare essere uno dei fornitori più validi sul mercato. Ecco un estratto delle migliori opzioni disponibili sul sito ufficiale.

– MyPOS Carbon 199 € 159 €

  • POS portatile mobile robusto e resistente,
  • vero registratore di cassa basato sul cloud,
  • gestione di inventario, sconti e magazzino,
  • ricevute via e-mail e cartacee,
  • SIM dati gratuita,
  • Wi-Fi e Bluetooth,
  • nessun vincolo e zero costi mensili.

– myPOS Go 29,00 €

  • Tascabile, leggero e robusto,
  • ricevute via SMS e e-mail,
  • SIM dati compresa,
  • nessun vincolo e zero costi mensili.
  • Il modello di commissioni myPOS è molto semplice: 1.20% + 0.05€ su ogni transazione

Vuoi conoscere l’offerta completa di POS portatili myPOS>>>clicca qui per cercare il tuo POS su misura

I migliori POS portatili: Nexi Mobile POS

Tra i migliori POS portatili spicca anche il Nexi Mobile POS, un terminale che non prevede il pagamento di un canone fisso, visto che si basa sulle commissioni per ogni transazione (1,89% per le carte europee, 0 euro per pagamenti fino a 10 euro). I principali vantaggi del Nexi Mobile POS? Sono presto detti:

  • Nessun vincolo: non devi per forza aprire un nuovo conto corrente, basta che ne hai 1 in Italia;
  • Zero costi mensili: non devi pagare un canone fisso;
  • Puoi risparmiare sulle commissioni: 0 euro per transazioni fino a 10 euro e bonus fiscale -30% sull’importo delle commissioni grazie al credito d’imposta.

POS portatile: conclusioni

Il POS portatile rappresenta un’innovazione in grado di aumentare la capacità di espansione del proprio giro d’affari sul territorio, grazie a una libertà nei pagamenti che, opportunamente pubblicizzata, può facilitare non poco la scelta di acquistare da parte dei potenziali clienti.

POS portatile a confronto

55555
  • Nessun canone
  • 1.20% + € 0.05 di commissioni
  • Costo 29 euro (modello GO)
  • Assistenza clienti
Leggi la Recensione oppure Vai al sito →
55555
  • Canone zero
  • Credito d'imposta -30%
  • Commissione 1,89%
  • Pagamenti su qualsiasi C/C
Leggi la Recensione oppure Vai al sito →

I modelli di servizio offrono tra l’altro opzioni dall’alto valore aggiunto: dalla ricevuta via e-mail o SMS a quella cartacea, dalla contabilità sul cloud, alla gestione di sconti e magazzino. Il tutto a costi, senza vincoli, molto più accessibili di quelli associati al POS tradizionale.