POS senza commissioni consentono di risparmiare centinaia di euro, se non migliaia, in un anno solare, grazie all’assenza di costi applicati alle transazioni.
Per scegliere i migliori POS a zero commissioni, puoi consultare questa guida, un utile strumento che rappresenta il frutto di comparazioni tra i diversi prodotti esistenti sul mercato e descrive il POS a tariffa fissa più conveniente, indipendentemente dall’attività imprenditoriale svolta.

POS gratuiti e senza commissioni: esistono?

POS senza commissioni

Il termine POS è l’acronimo di Point Of Sale, che si riferisce al dispositivo utilizzato da commercianti e professionisti per incassare pagamenti dai clienti, mediante le carte di pagamento.

L’impiego del POS rende le transazioni giornaliere più snelle e veloci, ma spesso i costi fissi e variabili del terminale scoraggiano molti imprenditori, che preferiscono limitare le opzioni di pagamento disponibili, per risparmiare sulle commissioni dei POS.
Considerando l’enorme spinta propulsiva nei confronti dei pagamenti elettronici, tuttavia, la domanda che spesso si sente porre, da più parti, è: esistono POS gratuiti e senza commissioni? E, in caso di risposta positiva, quali sono i più affidabili?
I POS a zero commissioni esistono, anche se nessun prodotto è totalmente gratuito; le tipologie di POS, al momento, sono le seguenti:

  • POS che non prevedono commissioni;
  • POS in cui è applicata una fee sulle transazioni, ma senza canone;
  • POS con canone fisso, senza spese percentuali sul transato.

In base al volume delle transazioni, è opportuno scegliere taluni prodotti rispetto ad altri, per ottimizzare i costi annuali e diminuire le spese. Tutto dipende da quelle che sono le proprie esigenze e soprattutto da quello che è il volume e l’entità delle transazioni che vengono effettuate mensilmente.

Caratteristiche di un POS senza commissioni

Le principali caratteristiche di un POS senza commissioni riguardano l’assenza di costi variabili, soprattutto entro determinati volumi di pagamenti ricevuti.
Quando un negoziante o un professionista riscuote il pagamento dal cliente tramite il POS tradizionale, il corrispettivo ricevuto è decurtato di una commissione, applicata in percentuale o in misura fissa, in base alle condizioni della banca.

I POS senza commissioni, a fronte di un canone fisso, non prevedono ulteriori costi, perché tutto è compreso nella tariffa fissa.

La spesa mensile, per i prodotti più avanzati, comprende il noleggio del POS, la scheda SIM indispensabile per il collegamento in rete del terminale, il servizio di assistenza e la configurazione inziale del dispositivo.

Vantaggi del POS senza commissioni

I vantaggi dell’impiego del POS a zero commissioni sono evidenti sia per gli imprenditori, sia per i clienti.

Per la prima categoria, è importante sottolineare il risparmio, in termini relativi e assoluti, sui costi di gestione del terminale, con un incremento del guadagno netto.

Per chi effettua gli acquisti di beni e servizi, invece, la possibilità di eseguire pagamenti con le carte di pagamento, in sicurezza e con la massima flessibilità, rappresenta un vantaggio difficile da battere.

Migliori POS senza commissioni: Axerve Easy

Tra i POS senza commissioni attualmente disponibili, il migliore è sicuramente Axerve Easy (qui il sito ufficiale), un prodotto di semplice utilizzo e che prevede due piani di abbonamento; la scelta dell’una oppure dell’altra tipologia di canone dipende dal volume delle transazioni della propria attività.

Innanzitutto, il POS Axerve Easy (leggi qui la recensione) è adatto a qualsiasi ambito professionale o commerciale, prevede il pagamento di un canone che comprende il noleggio dell’apparecchio e la sua configurazione, già effettuata al momento dell’arrivo, funziona tramite la connettività 4G e wi-fi e consente di gestire i pagamenti senza sorprese nell’estratto conto bancario.

POS Axerve Easy senza commissioni: quanto costa

Costi POX Axerve senza commissioni

Attualmente esistono due piani tariffari per usufruire di tutte le funzionalità del POS Axerve Easy, che funziona con il collegamento alla rete 4G con ottima copertura, senza ulteriori costi per il traffico di rete:

  • canone di 17 €+IVA: il piano è riservato agli imprenditori con incassi annuali inferiori a 10.000 euro;
  • canone di 22 €+IVA: il piano è dedicato a coloro che registrano vendite superiori a 10.000 euro, fino a 30.000 euro.

Per transazioni totali superiori a 30.000 euro, il gestore applica una commissione pari all’1,5%+IVA sull’importo oggetto dei pagamenti, mentre il canone mensile aumenta a 22 €+IVA.

Per quanto riguarda le prime due opzioni, che non contemplano costi aggiuntivi rispetto al canone mensile, questo include il noleggio del POS, la sua configurazione, già effettuata e che rende il dispositivo pronto per l’uso sin dall’inizio, la SIM con il traffico dati, per la connessione tramite rete 4G.

L’unica spesa aggiuntiva riguarda il versamento dell’imposta di bollo, da pagare contestualmente alla sottoscrizione del servizio, e che ammonta a 16 euro.

Attiva subito un POS senza commissioni>>>clicca qui per accedere a Easy

Bonus POS Axerve: rientra nel credito di imposta?

Con riferimento al Bonus fiscale del 30%, istituito dal Governo italiano con decorrenza 1 luglio 2020, è possibile fruire del credito di imposta, nella misura del 30% dell’ammontare delle transazioni pagate tramite POS.

L’essenziale, come previsto dal Decreto legge 124/19, è che i pagamenti siano tracciabili e, quindi, effettuati con mezzi elettronici, in particolare carte di credito e debito.
Anche per gli esercenti utilizzano il POS Axerve Easy (qui il sito ufficiale) rientrano nella categoria dei beneficiari del credito di imposta, purché con un volume di transazioni annuali inferiori a 40.000 euro.

Per conoscere i dettagli del beneficio fiscale, i periodi di imposta e le modalità di fruizione del Bonus, da parte degli esercenti che scelgono il POS Axerve è disponibile un’utile guida sul sito Axerve.

POS senza commissioni: conclusioni finali

Per gli imprenditori all’inizio della propria attività, o che registrano un complesso di transazioni inferiori a 30.000 euro, la scelta del POS Axerve Easy è conveniente e consente di riscuotere i pagamenti con flessibilità e a costi accessibili, senza sorprese.
Il canone mensile, infatti, è il più competitivo del settore di riferimento, include tutto ciò che serve per utilizzare il POS, in particolare noleggio, configurazione, app per smartphone, SIM 4 G e servizio di assistenza, indipendentemente dal tipo di attività svolta.

Per questo motivo, il POS Axerve Easy senza commissioni (qui il sito ufficiale) rientra a pieno titolo tra i dispositivi per i pagamenti elettronici più convenienti nell’ambito Fintech, con ottimi riscontri per quel che riguarda la soddisfazione di chi ha scelto di utilizzarlo.