Hai pensato di investire i tuoi risparmi e vorresti utilizzare una piattaforma semplice che ti mette a disposizione un team di esperti preparato e in grado di offrirti soluzioni fatte su misure per le tue esigenze? Se il tuo obiettivo è questo, avrai sicuramente già sentito parlare di Fundstore, un servizio interamente italiano con alle spalle una lunga esperienza in materia di gestione del risparmio.

Quando si tratta di soldi, per la precisione dei propri risparmi, la prudenza, e quindi la necessità di avere quante più informazioni possibili a propria disposizione, non è mai abbastanza. Probabilmente sei “finito” su questo post proprio perchè cercavi recensioni Fundstore oggettive oppure perchè volevi sapere come funziona questa piattaforma in parole semplice.

Ebbene sei nel posto giusto perchè in questa guida analizzeremo di che cosa si occupa la piattaforma, quali forme di investimento sono disponibili e come è possibile (nella pratica) iniziare ad investire con Fundstore.
Tutte queste domande saranno trattate nella prima parte della recensione Fundstore. Nel secondo blocco daremo spazio ad alcune opinioni degli utenti sulla convenienza di questa piattaforma facendo riferimento anche ai commenti che spesso si leggono in alcuni forum a tema.

A proposito: se hai già utilizzato la piattaforma Fundstore, potresti lasciare la tua opinione nell’apposito spazio. I lettori che si approcciano a questo servizio per la prima volta, te ne saranno grati. Se invece sei tra coloro i quali hanno solo sentito parlare di Fundstore e adesso vogliono approfondire con una recensione completa, allora non dovrai far altro che leggere di seguito.

Siamo certi che dopo la lettura di questa recensione, potrai avere le idee più chiare per approcciare un universo tanto affascinante, quanto complesso, come quello che riguarda la gestione del risparmio.

Fundstore: cosa è in sintesi

Fundstore è piattaforma indipendente e italiana che consente di investire in molteplici strumenti senza dover per forza recarsi negli sportelli bancari.
Nata 20 anni fa, ha saputo nel tempo evolversi di pari passo con le esigenze e con i mutamenti del mondo finanziario, riuscendo sempre a coinvolgere utenti e risparmiatori di ogni fascia sociale.
Attraverso Fundstore, è possibile investire in fondi comuni di investimento, SICAV, gestioni patrimoniali, Piani individuali di Risparmio (PIR), Piani di accumulo (PAC) oppure creare dei portafogli personalizzati e fatti ad hoc.

Uno dei principali vantaggi della piattaforma è la notevole riduzione dei costi di gestione, di ingresso e di rimborso degli investimenti, tutti fattori che solitamente hanno un incidenza importante sui rendimenti e sulle performance. Come è possibile tutto questo? Perchè Fundstore non si muove nei tradizionali circuiti bancari.
Nei prossimi paragrafi della recensione, vedremo, nel dettaglio, i principali strumenti e le principale strategie che è possibile approcciare su Fundstore (qui il sito ufficiale).

Il video in basso riassume in pochissimi secondi la particolarità di Fundstore.

Come funziona Fundstore: su cosa puoi investire

Sono numerose le tipologie di tipologie di investimento consentite su Fundstore.
Innanzitutto è possibile sottoscrivere fondi comuni e SICAV (enti, simili ai fondi che investono in forma collettiva il capitale raccolto dalla sottoscrizione delle azioni al pubblico). Al giorno d’oggi queste sono tra le forme di investimento più usate dai risparmiatori italiani.
La possibilità di poter investire su questi strumenti in totale autonomia e senza il ricorso ad un intermediario consente un notevole abbattimento dei costi. Infatti investendo su Fundstore non dovrai pagare commissioni di sottoscrizione, switch e rimborso.

Sono oltre 5.000 i fondi comuni d’investimento disponibili sulla piattaforma. 140 sono invece le società di gestione, italiane e estere, presenti su Fundstore.

La maggior parte di questi sono fondi azionari, che godono storicamente di performance più alte, ma anche di rischi maggiori; poi ci sono i fondi obbligazionari, generalmente più sicuri, ma con rendimenti più bassi; un’altra categoria disponibile è rappresentata dai fondi misti, che sono degli strumenti che combinano in modo variabile la parte azionaria con quella obbligazionaria; inoltre è possibile investire anche nel settore immobiliare, grazie ai fondi immobiliari; poi ci sono i fondi monetari, una categoria che investe in liquidità (è possibile trovare un’ampia varietà di valute); un’ultima categoria di fondi disponibile è rappresentata dai fondi garantiti, ossia da quei fondi che dispongono di una garanzia contro potenziali perdite consentendo di abbassare ulteriormente il rischio.

Per conoscere tutti i fondi disponibili su Fundstore e consultare il catalogo gratuito non devi far altro che seguire il link in basso.

SCOPRI TUTTI I FONDI DISPONIBILI SU FUNDSTORE>>>CLICCA QUI PER CONOSCERE IL CATALOGO COMPLETO CON MORNIGSTAR

Portafogli d’investimento Fundstore

Fundstore, attraverso una partnership con AdviseOnly, ha poi elaborato la possibilità di creare dei portafogli personalizzati per vari profili di investitori; è possibile accentuare ulteriormente la personalizzazione, modificando durata e livello di rischio.
In particolare, i portafogli modello selezionati sono 5:

  • Portafoglio etico: è un portafoglio bilanciato e con un livello di rischio medio. L’aggettivo “etico” fa riferimento alla natura socialmente responsabile del portafoglio. Dalla struttura molto semplice, il portafoglio etico Fundstore è l’ideale per i risparmiatori che non vogliono rischiare più di tanto.
  • Portafoglio figli: si tratta di una soluzione scelta appositamente per destinare un “cuscinetto” ad un figlio, una volta raggiunta la maggiore età. Anche in questo caso sono presenti sia la componente azionaria che quella obbligazionaria. Il portafoglio figli Funstore può essere la soluzione ideale per investire i risparmi per i figli.
  • Portafoglio megatrend: é un portafoglio ideato per chi desidera investire in modo ragionato sui grandi trend sociali, demografici ed economici che sono connessi con l’evoluzione della tecnologia e le prospettive del pianeta. Le azioni internazionali con una quota del 35% e le obbligazioni internazionali con una quota del 40% caratterizzano in modo marcato questo portafoglio Fundstore.
  • Portafoglio pensione: ha un livello di rischio medio-basso ed è orientato alla tutela previdenziale, ossia a costruirsi un capitale che vada ad integrare la pensione percepita dall’Inps. Le azioni internazionali ad alta capitalizzazione con una quota del 45% caratterizzano il portafoglio pensione
  • Portafoglio reddito: ideato per portare flussi di cassa costanti e regolari da aggiungere alle altre fonti di reddito, ha il suo punto di forza nella conservazione del capitale. Il livello di rischio di questo portafoglio è medio-alto. Le obbligazioni internazionali marcano con una quota del 45% la composizione dell’asset class di questo portafoglio.

Scopri i portafogli personalizzati Fundstore>>>clicca qui per investire con una piattaforma 100% italiana

I PAC

Su Fundstore si può poi scegliere la strategia del Piano d’Accumulo del Capitale (PAC).
I PAC (qui la guida completa) sono prodotti di investimento altamente efficaci che consentono di abbattere la volatilità, diluendo l’investimento su più versamenti periodici. Grazie a questa caratteristica, è possibile limitare il rischio di market timing (cioè il rischio di non individuare il momento più propizio per entrare sui mercati). Inoltre, nel lungo termine, grazie alla consolidata tendenza dei marcati a crescere, i PAC potranno offrire rendimenti interessanti e costanti.
Per aprire un PAC sulla piattaforma di Fundstore (qui il sito ufficiale) è sufficiente un versamento minimo di 50 euro.

Con Fundstore sei tu a scegliere la frequenza e la durata del Piano di Accumulo. Inoltre potrai interrompere, estinguere e riattivare il Piano a tua discrezione senza doverti far carico di costi e penali.

I PIR

I PIR sono una novità di recente introduzione nel mondo degli investimenti. Si tratta di una forma di investimento molto conveniente, poiché esentata in modo totale dall’imposta sul capital gain prevista sulle rendite finanziarie.
Il PIR permette di investire principalmente su piccole e medie; per godere del vantaggio fiscale appena menzionato occorre mantenere l’investimento per un orizzonte temporale di almeno 5 anni.

Per certi versi, somiglia al conto deposito; naturalmente è sempre possibile svincolare anticipatamente l’investimento, ma si perde il vantaggio dato dall’efficienza fiscale.

I PIR possono essere sottoscritti solo dalle persone fisiche. Ogni singolo PIR non può essere superiore ai 30.000 euro di investimento annui. Complessivamente ogni investitore non può eccedere il limite dei 150 mila euro complessivi di investimento.

Grazie a questi limiti, i PIR sono uno degli strumenti di investimento più interessanti per i risparmiatori retail.

Puoi scoprire l’intera offerta PIR di Fundstore (qui il sito ufficiale) seguendo il link in basso.

Investi sui PIR con Fundstore>>>nessuna imposta sul capital gain a tuo carico

La gestione patrimoniale

L’ultima forma di investimento disponibile è rappresentata dalla gestione patrimoniale. Si tratta di una soluzione che consente ai risparmiatori di affidare il proprio denaro all’esperienza e alla competenza dei gestori di Fundstore (dei professionisti dipendenti di Banca Ifigest), i quali investiranno i soldi dei risparmiatori allo scopo di mantenersi allineati e coerenti con gli obiettivi di rendimento e di rischio stabiliti al momento della sottoscrizione.

E’ possibile scegliere tra tre linee di investimento: tematica, prudente e flessibile. Si tratta di linee di gestione che godono di un proprio core business, che potranno essere ulteriormente personalizzate in base agli obiettivi specifici del cliente.

La domanda che in tanti si potrebbero porre arrivati a questo punto è quanto costa la gestione patrimoniale proposta da Fundstore. Qui è bene fare una premessa perchè, teoricamente, i costi di una gestione patrimoniale sono spesso alti ma Fundstore offre ai suoi clienti una gestione patrimoniale attiva in fondi con costi tra i più bassi in Italia. Abbattendo il carico dei costi, la gestione patrimoniale di Fundstore diventa conveniente ed efficacie.

Se vuoi affidarti agli esperti Fundstore per la gestione patrimoniale dei tuoi risparmi, clicca qui e attiva un account sulla piattaforma.

FundStore: è una piattaforma sicura?

Fundstore è veramente un piattaforma sicura e affidabile? Possiamo rispondere di sì. Si tratta di un modello unico ed italiano che consente di interagire con i gestori di fondi bypassando l’assistenza degli intermediari (che altro non fa che far lievitare i costi e le spese a carico del cliente).
Fundstore non consente inoltre che avvengano scambi di denaro intermedi. Cosa significa? Vuol dire che nel momento in cui decidiamo di comprare uno tra i fondi comuni d’investimento disponibili, ci verrà richiesto di pagare tramite bonifico bancario (che rappresenta l’unico mezzo di pagamento consentito) a favore della SGR del fondo scelto. Pertanto, è il cliente stesso ad accettare ed autorizzare il trasferimento del denaro dal proprio conto; non intervengono terzi.

Infine, possiamo concludere ricordando che Fundstore è conforme agli standard SSL, un segnale ulteriore di sicurezza e affidabilità. I clienti possono correre sogni tranquilli: i loro dati personali e le loro transazioni sono custoditi all’interno degli archivi di Banca Ifigest, una solida realtà che è da oltre vent’anni attiva del mondo degli investimenti. Il trattamento di questi dati è successivo all’autorizzazione preventiva del cliente, effettuata nel momento in cui si registra per la prima volta.

Fundstore, quindi, è una piattaforma sicura e affidabile al 100%. Premesso questo, alla luce della nostra esperienza nel settore, ci sentiamo comunque di darti alcuni consigli pratici per alzare ancora di più l’asta della sicurezza. Si tratta di consigli di buon senso da applicare sempre se si sceglie di operare attraverso il web, indipendentemente dall’ammontare dell’investimento (questi suggerimento valgono quindi anche se si decide di investire piccole somme online).

  • Aggiorna sempre i programmi operativi e i browser
  • Non conservare mai i codici di accesso nel dispositivo che utilizzi per connetterti a Fundstore
  • Imposta una password complessa e cambiala spesso
  • Una volta finita la sessione, fai sempre logout dal tuo account Fundstore

Come iniziare ad investire con Fundstore: iscrizione

Se sei arrivato a questo paragrafo della recensione Fundstore è perchè l’argomento è evidentemente di tuo interesse. Da parte nostra speriamo di aver risposto alle principali domande tipiche di chi si trova davanti ad una piattaforma di gestione del risparmio di cui ha sentito solo parlare e vuole approfondire l’argomento (esigenza sacrosanta visto che con i soldi non si scherza).

Se sei arrivato a questo punto è perchè la proposta di Fundstore ti interessa visto che, lo ripetiamo, a differenza dei consulenti finanziari tradizionali a cui tanti risparmiatori sono abituati, Fundstore non prevede commissioni di sottoscrizione e rimborso e inoltre non ci sono costi occulti.

Per iniziare ad investire su Fundstore devi semplicemente seguire il link al sito ufficiale. La procedura di iscrizione è semplice ma proprio perchè il nostro obiettivo è quello di offrire una recensione completa, ti guidiamo passo passo anche in questa fase.

Per iscriverti dovrai entrare sul sito di Fundstore (ecco il link ufficiale) e cliccare su Accesso Cliente >>> Registrati. Avrai così accesso alla sezione predisposta per l’apertura del conto, che è gratuita e non prevede vincoli.


Ricorda che Fundstore richiede come requisito per poter investire la residenza fiscale in Italia.
Per creare il tuo account serviranno alcuni dati anagrafici, l’indirizzo email, il numero di telefono e la password.

La procedura di iscrizione su Fundstore è molto semplice ma per comodità riepiloghiamo tutto in questo video che dura poco più di un minuto:

Una volta inseriti i tuoi dati, dovrai confermare la tua identità. Questo step può essere superato se per l’iscrizione a Fundstore utilizzi il tuo Spid.

Una volta confermata la tua identità, dovrai inviare i moduli sottoscritti. Sarà il sistema a spiegarti come firmare digitalmente i documenti. L’intera proceduta è gratuita non essendoci costi nascosti. Una volta ottenute le credenziali potrai accedere al sito e investire scegliendo tra i fondi disponibili in piattaforma.

SCOPRI TUTTI I FONDI DISPONIBILI SU FUNDSTORE>>>CLICCA QUI PER CONOSCERE IL CATALOGO COMPLETO CON MORNIGSTAR

Puoi intestare il tuo conto fino ad un massimo di tre utenti.

I vantaggi di Fundstore

Quali sono i principali benefici di usare Fundstore rispetto ad altre piattaforma online di gestione del risparmio? In questo paragrafo ci dedichiamo a questo aspetto.
Innanzitutto il primo vantaggio che abbiamo accettato è quello relativo al risparmio economico: con Fundstore puoi investire senza dover pagare una montagna di commissioni spesso previste da Banche e altri intermediari.
Inoltre, un altro aspetto notevole è l’indipendenza della piattaforma: ti basterà accedere dall’app sullo smartphone per eseguire qualsiasi operazione di investimento che tu lo desideri. Le file in banca saranno solamente un ricordo!
Il terzo vantaggio è costituito dalla semplicità. Non ci sono inghippi, la piattaforma è trasparente ed intuitiva, creata appositamente per non fare perdere tempo agli utenti. Due numeri su tutti: ti bastano 5 minuti per aprire un Rapporto Fundstore e appena 3 click per disporre una operazione partendo dal sito ufficiale (qui il link).

Inoltre sicurezza e la serietà della piattaforma ti consentiranno di operare in totale tranquillità e serenità.

Investi in fondi e SICAV senza le commissioni previste dalle banche>>>Attiva il tuo account Fundstore da qui

Fundstore: costi e commissioni

Abbiamo già sfiorato l’argomento in più di una occasione ma cerchiamo ora di riassumere tutto facendo chiarezza sui costi della piattaforma Fundstore.
Sebbene possa sembrare utopia, possiamo confermare che non ci sono costi di sottoscrizione, switch o rimborso. L’unica tipologia di commissioni presente è quella riguarda le cosiddette commissioni di intervento, che si attivano in casi molto particolari. Inoltre l’apertura di un Rapporto Fundstore è assolutamente gratuita.

E’ quindi evidente che si tratta di un enorme vantaggio che rende la piattaforma altamente competitiva e che consente di poter sfruttare in maniera ottimale le performance degli investimenti, senza che le stesse siano zavorrate da costi eccessivi.

Fundstore Altroconsumo

Fundstore e la nota associazione a difesa dei consumatori AltroConsumo, hanno siglato un importante accordo di partnership grazie al quale i soci di AltroConsumo e gli abbonati ad AltroConsumo Finanza che investono in fondi su Fundstore con un controvalore di giacenza media annua che sia pari ad almeno 10.000, riceveranno uno sconto sull’imposta di bollo per tutti i mesi che deterranno tale controvalore nel proprio portafoglio che ammonta a:

  • 0,20% per i soci Altroconsumo abbonati ad Altroconsumo Finanza;
  • 0,10% per i soci abbonati alle altre riviste edite da Altroconsumo.

In entrambi i casi, lo sconto riconosciuto sull’imposta di bollo sarà garantito fino ad un massimo di rimborso pari a 1000 euro a dossier. Per importi superiori a questo valore, la differenza sarà a carico dello stesso Socio di Altroconsumo.

L’accordo FundStore Altroconsumo con i relativi sconti sull’imposta di bollo riconosciuti ai soci AltroConsumo che operano sulla piattaforma, al di là dei termini dell’intesa, conferma che Fundstore è assolutamente sicuro altrimenti non sarebbe mai stato scelto dalla nota Associazione dei Consumatori.

Formazione e risorse

Ed eccoci arrivati alla fine della recensione su Fundstore. Non possiamo però chiudere (e passare alle opinioni dei risparmiatori che hanno già investito sulla piattaforma di gestione del risparmio), senza evidenziare la presenza di una intere sezione che è dedicata alla formazione. Tre sono i pilastri dell’offerta formativa di Fundstore:

  • un blog aggiornato con notizie che arrivano sia dalla stessa Fundstore che da società di gestione (la consultazione dell’archivio è molto semplice grazie al search attraverso inserimento tag)
  • videotutorial sull’utilizzo della piattaforma Fundstore
  • Podcast di Gianni Bizzarri, founder di Fundstore e amministratore delegato di Banca Ifigest (attualmente in archivio ci sono oltre 70 podcast).

La presenza di così tante risorse per la formazione sul sito di Fundstore, testimonia l’impegno dell’operatore a favore dello sviluppo delle competenze dei suoi clienti. Con Fundstore, quindi, il risparmiatore ha tutti gli strumenti per crescere e allocare nel modo migliore i suoi risparmi.

Fundstore opinioni utenti

Cosa ne pensano gli utenti di Fundstore? Conoscere il parere di chi ha già usato la piattaforma, può essere di aiuto per orientare le proprie scelte. Lo abbiamo già detto in precedenza ma lo ripetiamo: se sei arrivato su questa guida è perchè hai cercato su recensioni Fundstore. Per permetterti di avere una visuale completa sulla piattaforma, abbiano deciso di dedicare quest’ultimo paragrafo ai commenti e alle opinioni di chi ha usato Fundstore. Quando si affronta l’argomento giudizi, c’è il problema dell’affidabilità. Un sito che riporta opinioni veritiere è Trustpilot.

E’ a questo portale che facciamo riferimento per cercare di capire quali sono le opinioni prevalenti su Fundstore. In una scala da 1 stella a 5 stelle, il Trustscore assegnato a Fundstore è 4,4.

Ben il 56% delle opinioni su Fundstore presenti su Trustpilot sono eccezionali. A seguire c’è un 41% di giudizi molto buono. Si tratta di numeri inequivocabili che ci inducono ad esprimere un giudizio molto positivo su questa piattaforma che permette di investire con basse (o nulle) commissioni su un’ampia gamma di strumenti finanziari.

Tra i punti di forza di Fundstore che sono citati nei commenti degli utenti ci sono il servizio clienti, il portafoglio fondi, la grafica del sito molto accattivante e la possibilità di accedere al mercato dei fondi di investimento a condizioni molto vantaggiose. Tra l’altro, come messo in risalto da alcuni commenti, su Fundstore è possibile comprare fondi comuni non presenti nei panieri delle banche abituali grazie anche all’accordo con Morningstar (qui il Catalogo Fondi con Morningstar)

Insomma i vantaggi di Fundstore quando si parla di gestione del risparmio sono tanti e spaziano dai costi al servizio.

Hai deciso di aprire un account per investire con Fundstore (clicca qui per accedere alla piattaforma)? Se ti va raccontaci la tua esperienza nei commenti.