Nel caso in cui si smarrisca il proprio libretto di risparmio bancario (che può essere nominativo o cointestato) è necessario denunciare il fatto per bloccarne l’uso e impedire che un malintenzionato possa prelevare il denaro che vi è depositato.

Smarrimento libretto di risparmio bancario: la denuncia

smarrimento libretto bancario denuncia

La denuncia deve essere effettuata dall’intestatario oppure dalla persone che può dimostrare di averne il diritto. Questa procedura è anche funzionale ad ottenerne il duplicato del libretto di risparmio bancario. Nel caso di smarrimento di risparmio bancario deposito al portatore il percorso è più complesso. Innanzitutto l’intestatario presenta la denuncia di smarrimento all’autorità giudiziaria e, nei 15 giorni successivi, il ricorso al competente Presidente del Tribunale. A questa istanza devono essere allegati:

  • la marca da bollo da 8 euro;
  • copia della denuncia di smarrimento del libretto di risparmio bancario;
  • le prove che dimostrano il possesso del libretto smarrito;
  • copia del versamento di 77 euro corrispondente al contributo unificato.

L’intestatario del libretto deve anche trasmettere con raccomandata con ricevuta di ritorno una copia del ricorso in carta libera alla filiale dove il libretto è pagabile. Se il ricorso viene accettato, il Presidente del Tribunale emette il decreto di ammortamento che rende inefficace il libretto e ne permette l’emissione del duplicato. L’intestatario del libretto lo notifica all’istituto bancario, che emette il duplicato entro 90 giorni.

Autocertificazione smarrimento libretto bancario

smarrimento libretto bancario autocertificazione

Lo smarrimento del libretto di risparmio bancario è una delle ipotesi più ricorrenti che si verificano in caso dei titoli al portatore. La denuncia dell’intestatario può avvenire tramite l’autocertificazione smarrimento libretto bancario presso la filiale dove si è acceso il rapporto.

L’autocertificazione deve essere redatta facendo riferimento alla normativa che regola l’ambito delle dichiarazioni sostitutive, ossia il Decreto del Presidente della Repubblica n° 445 del 28 dicembre 2000. In particolare il dichiarante deve attestare di essere a conoscenza di quali siano, ai sensi degli articoli 483 e 495 del Codice Penale, le conseguenze a norma di legge in caso di dichiarazioni mendaci o non veritiere.

All’interno dell’autocertificazione smarrimento libretto bancario è necessario che siano indicati i dati dell’intestatario del libretto stesso che presenta la denuncia di smarrimento, ossia il nome e cognome, l’indirizzo (comprensivo della provincia e del comune di residenza), il luogo e la data di nascita, i recapiti telefonici e la nazionalità. Inoltre occorre indicare l’istituto bancario che ha emesso il libretto di risparmio e il luogo e la data dello smarrimento. Se il dichiarante non è a conoscenza di quando o dove è avvenuto il fatto, è sufficiente riportare la dichiarazione “data ora e luogo sconosciuti”.

Dove e quando presentare la denuncia

La denuncia può essere presentata personalmente allo sportello della filiale di riferimento oppure inviata con raccomandata con ricevuta di ritorno. Una volta ricevuta l’istanza, la banca blocca il pagamento delle somme depositate sul libretto e pubblica (oppure appende all’interno dei propri locali) un avviso in cui si richiede all’ignoto detentore del libretto di risparmio smarrito di riconsegnarlo. Nell’avviso si comunica anche che il detentore può presentare opposizione alla consegna attraverso una notifica alla stessa banca nei successivi 90 giorni. In ogni caso si avverte che il documento è inefficace in quanto sottoposto a fermo. Decorso inutilmente questo periodo di tempo senza che il libretto venga recuperato oppure venga presentata opposizione, il suo legittimo intestatario può richiedere il rilascio del suo duplicato alla filiale.

LEGGI ANCHE – Aprire un conto corrente aziendale: quali documenti servono

Denuncia smarrimento libretto bancario: fac simile

denuncia smarrimento libretto bancario

In caso di furto, sottrazione oppure rischio che i documenti al portatore possano essere usati in maniera illegittima si consiglia sempre di presentare la relativa denuncia smarrimento libretto bancario presso l’autorità di pubblica sicurezza, cioè la polizia, al questura o i Carabinieri. È possibile utilizzare lo stesso fac simile del modulo messo a disposizione degli utenti per denunciare il furto o lo smarrimento di un documento personale alle forze dell’ordine. In alternativa si può sporgere denuncia:

  • online tramite il sito dell’Arma dei Carabinieri o della Polizia di Stato;
  • in forma orale presso l’autorità giudiziaria. In questo caso è il pubblico ufficiale a redigerla sotto forma di verbale e rilascia una ricevuta.