Il conto corrente imprese è uno strumento fondamentale per le aziende e per i professionisti con partita IVA, che permette di gestire in modo semplice e rapido i flussi di denaro in entrata e in uscita. Gli istituti di credito mettono a disposizione degli imprenditori delle soluzioni finanziarie basate su conto fisico o virtuale, complete di numerosi servizi, che consentono di effettuare le più comuni operazioni business usufruendo di strumenti specifici per le piccole, medie e grandi imprese. Con il conto corrente per imprese è infatti possibile controllare l’estratto conto bancario e lista dei movimenti direttamente online, effettuare pagamenti e ricevere bonifici. È inoltre possibile pagare tasse e bollettini comodamente dal proprio pc, mantenendo sotto controllo i propri movimenti grazie ai servizi gestionali integrati, dotati di adeguati sistemi di archiviazione di documenti. Per capire qual è il miglior conto corrente aziendale, bisogna tuttavia partire dalle caratteristiche di quest’ultima.

Come scegliere il miglior conto corrente business

Il primo passo da fare per capire qual è il conto corrente per imprese più conveniente bisogna effettuare una ricerca tra le varie soluzioni offerte dal mercato e operare un confronto diretto tra i vantaggi e svantaggi di ciascuna di esse.

Tra i diversi fattori che si devono prendere in considerazione possiamo sicuramente menzionare il grado di solidità della banca e il livello di diffusione sul territorio di nostro interesse. Bisogna inoltre fare un elenco delle funzionalità offerte dal conto, comprendendo eventuali servizi accessori e capire quali spese e commissioni sono richieste a fronte degli stessi.

Una delle voci a cui si dovrebbe prestare più attenzione, infatti, è proprio quella dei costi. A tal proposito, i conti correnti business si dividono per lo più in:

  • conti correnti a costi fissi, ossia quei conti che richiedono un pagamento fisso, annuo o mensile, che varia a seconda delle funzioni e dei servizi scelti dall’utente;
  • conti correnti a costi variabili, che applicano determinati costi ogni volta che si esegue un’operazione di movimentazione economica. Questi ultimi possono solitamente essere aperti gratuitamente o con spese minime.

La scelta deve dunque basarsi sulle esigenze finanziarie ed economiche della propria impresa, tenendo conto del numero della media di operazioni annuali o mensili che si compiono e, in base a questi dati, scegliere il conto corrente più adatto in termini di servizi e costi.

Miglior conto corrente per piccole aziende

Se si possiede una piccola impresa, prima di scegliere un conto corrente è essenziale capire quali spese e commissioni sono richieste per la sua attivazione e utilizzo. Questo tipo di aziende, infatti, di solito non presentano movimentazioni finanziarie eccessivamente elevate, pertanto è importante adeguare i servizi del conto corrente, e di conseguenza i suoi costi, alle reali necessità operative.

Tra gli strumenti e servizi da valutare, essenziali per una comoda gestione della piccola azienda, vi sono sicuramente la messa a disposizione di carte di credito o di debito, gli sportelli bancomat, l’internet banking e i libretti degli assegni.

Per le piccole aziende, come ad esempio le imprese familiari o le imprese agricole, è per lo più consigliabile aprire un conto corrente impresa economico, che offra servizi essenziali a costi contenuti.

Miglior conto corrente business online

Una delle domande più comuni fra coloro che devono aprire un conto per la propria impresa è se il conto corrente business online possa essere una buona soluzione. Questa tipologia di conti bancari sono infatti spesso sfruttati per lo più dai privati, ma il mercato finanziario offre interessanti opzioni anche perle persone giuridiche.

I conti online offrono senza dubbio moltissime comodità, come l’internet banking che permette di effettuare ogni operazione economica senza allontanarsi dalla propria casa e ufficio, presentando al contempo dei costi di gestione molto più vantaggiosi rispetto ai conti tradizionali. Un conto corrente esclusivamente virtuale, tuttavia, può risultare anche scomodo per coloro che hanno talvolta bisogno di interfacciarsi direttamente con un tecnico operativo o un impiegato fisico.

Chi vuole avere il maggior ventaglio di scelte possibile, può dunque optare per un conto corrente per imprese gestibile sia online che in filiale: differenti operazioni richiedono, infatti, diversi modi di operare ed avere la possibilità di scegliere se eseguirle personalmente o con l’ausilio di un impiegato bancario è sicuramente una scelta eccellente.

I migliori conti per imprese del 2021

Tenendo conto di tutti i criteri e parametri di valutazione già elencati, tra i migliori conti business del 2021 figurano:

  • Conto Corrente Aziendale Online Qonto, dedicato specificatamente ai professionisti e alle piccole e medie imprese. L’attivazione di questo conto è totalmente gratuita ed il canone mensile varia in base al piano tariffario scelto: il piano Solo è intestabile ad un solo utente ed ha un costo mensile pari a 9 € + IVA; il piano Standard include 5 utenti ed richiede 29 €/mese + IVA; il piano Premium è il più vario e completo e costa 99 €/mese + IVA.
  • Conto Corrente N26 Business, adatto ai freelance e ai liberi professionisti. Può comodamente essere controllato tramite applicazione mobile e include una Mastercard Business, che offre interessanti opzioni di cashback. Sono disponibili sia un piano tariffario gratuito (N26 Business), sia un piano che prevede un canone mensile pari a 9,90 € (N26 Business You).
  • Conto Business Online Bunq, un conto digitale di ultima generazione che già nel suo piano base permette di avere a propria disposizione fino a 3 carte di debito operanti su circuito Mastercard. L’attivazione è totalmente gratuita, mentre il canone mensile è pari a 9,90 €. Essendo un conto virtuale, non è possibile usufruire di sportelli fisici e la ricariche devono essere fatte tramite bonifico bancario. Interessante anche il conto Bunq Business.
  • Conto Soldo: un conto corrente smart ideale per aziende, utile per avere una supervisione totale delle spese sostenute dai dipendenti. Ha diversi piani, con differenti costi e servizi parametrati, e si distingue nella carta conto Soldo General e nella carta conto Drive, finalizzata esclusivamente ai pagamenti del carburante. Leggi qui la recensione della carta conto Soldo.
  • Unicredit Conto OneKey, dedicato alle medie e grandi imprese. Con canone mensile pari a 50 o 100 € mette a disposizione dei propri utenti molteplici servizi e prodotti personalizzati, incentrati sulla semplificazione della gestione bancaria e contabile aziendale.