Aprire conto corrente per società protestate: si può? E se sì, qual è la procedura da seguire? Quando una società subisce un protesto è molto difficile ottenere credito da una banca e strumenti per gestire i flussi di denaro come il conto corrente. In questo caso, per la tua azienda, viene a mancare uno strumento indispensabile per poter portare avanti l’attività e gestire pagamenti ai fornitori e incassare denaro per i vari lavori eseguiti. Tra l’altro se tu sei iscritto nel registro dei protestati e sei titolare di un’impresa individuale oppure un libero professionista, questo genere di problema ugualmente si andrà a riversare sulla tua attività imprenditoriale. Insomma, delle situazioni certamente non semplici ma che tuttavia possono essere risolte con un po’ di pazienza e conoscenza.

LEGGI ANCHE – Conto corrente per protestati: le migliori soluzioni

Apertura conto corrente società protestate

Aprire un conto corrente per società protestate non è semplice e immediato. Questo rappresenta indubbiamente un problema perché non puoi ricevere il pagamento dei lavori eseguiti dai tuoi clienti e non puoi pagare eventuali fornitori. Insomma, l’attività si troverà una situazione di forte stallo che potrebbe comportare anche il fallimento. In realtà, ci sono alcune società finanziarie e banche che ti mettono a disposizione la possibilità di aprire un conto corrente per società protestate. Si tratta di strumenti che sono stati appositamente ideati per questa specifica esigenza.

Naturalmente, in virtù della situazione specifica, ci sono dei vincoli e delle limitazioni sulle varie operazioni previste. Ad esempio, esistono dei conto correnti che prevede un tetto massimo per quanto riguarda la ricezione di pagamenti tramite bonifico nell’arco di un anno. Se invece si vuole rimuovere questo genere di vincolo ed altri, è possibile farlo sottoscrivendo un contratto per un conto corrente aziende protestate maggiormente oneroso in termini di canone mensile. L’apertura del conto corrente società protestate è dunque una procedura possibile che può essere effettuata presso banche specializzate per questo genere di prodotto.

La procedura con cui aprire il conto corrente per società protestate è del tutto similare a quella standard per un conto corrente aziendale qualsiasi per cui sono richiesti gli stessi documenti. Tra l’altro, il procedimento può essere gestito online sul sito delle varie banche, oppure fisicamente presso una delle filiali dell’istituto scelto.

TI POTREBBE INTERESSARE – Conto corrente aperto all’estero: è pignorabile? Cosa sapere

L’alternativa all’apertura del conto corrente società protestate

Se non vuoi oppure non riesci a trovare una banca che possa soddisfare le tue esigenze con un conto corrente appositamente ideato per le società protestate, allora puoi per prendere in considerazione delle interessanti soluzioni alternative. A

Ad esempio, puoi valutare le carte prepagate con IBAN. Si tratta di carte prepagate a tutti gli effetti che dispongono di un proprio IBAN in maniera tale da poter ricevere e inviare bonifici che permetteranno alla tua attività di andare avanti. Tra l’altro questo genere di prodotto si dimostra estremamente funzionale e soprattutto permette di abbattere anche i costi di gestione. Naturalmente ci sono dei limiti rispetto ad un conto corrente tradizionale ma devi considerare questo prodotto come una soluzione temporanea. Va ricordato, infatti, che per regolarizzare la situazione di una società protestata bisognerà attendere i 5 anni previsti dalla legge per cui, nel frattempo, potresti utilizzare uno dei conti correnti previsti dalle banche oppure scegliere una carta prepagata con IBAN.