Smartika è una piattaforma italiana di social lending, ovvero un portale dove si praticano i prestiti tra i privati. Fondata nel 2012, replicando un modello già di successo nel Regno Unito, Smartika si rivolge sia a chi ha bisogno di un prestito, offrendogli la convenienza dei tassi di interesse, certamente migliori rispetto a quelli proposti da una banca, sia a chi ha intenzione di guardare ad altre opportunità di investimento, come quelle sui prestiti, per l’appunto, quindi chi ha del denaro da poter prestare a soggetti ricavandone un rendimento.

Cos’è il social lending

Prima di iniziare a scoprire Smartika (qui il sito ufficiale), apriamo e chiudiamo una piccola parentesi sul social lending: cos’è e come funziona? Letteralmente, social lending si può tradurre in “prestito sociale”, sebbene questa interpretazione possa risultare ambigua. Il social lending è stato introdotto nel 2005 in Gran Bretagna da Zopa Ltd: si tratta a tutti gli effetti di un sistema di finanziamento alternativo, rispondendo così a una domanda e a una esigenza consolidatasi in particolare dopo la crisi finanziaria del 2008. Questa pratica di prestito tra privati funziona soprattutto nei Paesi anglosassoni e da lì, dove consolida anno dopo anno il proprio successo, si espande nel resto del mondo, arrivando fino in Italia.

Il social lending è un punto di incontro tra una persona che ha bisogno di denaro di cui non dispone per realizzare un progetto e un investitore che cerca nuove opportunità di investimento e che, tramite un’accurata diversificazione del portafoglio, riesce a ottenere un buon rendimento dal prestito concesso. Mancando l’intermediario bancario, il soggetto richiedente il prestito avrà il vantaggio di ottenere interessi più bassi da restituire insieme alla quota capitale, mentre l’investitore avrà una nuova opportunità di guadagno. L’unico intermediario, insomma, è la piattaforma (non la banca) sulla quale il Richiedente e il Prestatore s’incontrano.

Naturalmente si parla di prestiti, pertanto la piattaforma, prima di accettare l’istanza del Richiedente, sarà tenuta a effettuare rigorosi controlli sull’affidabilità creditizia del soggetto e sulla fattibilità della richiesta, al fine di tutelare gli interessi di tutti.

Cos’è Smartika e come funziona

smartika

Smartika è una piattaforma di social lending che, come scritto nel paragrafo precedente, mette in contatto Richiedente e Prestatore. Il meccanismo alla base della piattaforma riguarda il matchmacking, ovvero l’abbinamento delle offerte di prestito attivate dai Prestatori a quelle inoltrate dai Richiedenti. Come spiega la società, l’importo complessivo di ogni richiesta di prestito non arriva mai da un solo Prestatore, ma è composto dal “chunk”, ovvero dal taglio massimo concedibile di diverse offerte. Ciò significa che viene presa una porzione da ogni Prestatore, in base alle regole del matchmaking e delle offerte create dal Prestatore.

Sia il Richiedente sia il Prestatore sono persone fisiche, quindi sono privati: infatti, non sono ammesse iscrizioni di persone giuridiche (società) alla piattaforma. Il modello di business di Smartika, inoltre, si fonda anche sulla solidità di una community social, orientata anche all’aspetto ecosostenibile e green: basti pensare che grazie ad alcune importanti partnership sono state avviate attività con obiettivi di crescita personale, sostenibilità energetica e ambientale. Un pratico e concreto esempio di quanto appena descritto si evince dalla partnership con Sorgenia, che porterà alla creazione della prima community di social green lending in Italia, aiutando gli utenti con l’installazione di pannelli fotovoltaici sulle proprie case, grazie alle somme erogate dai Prestatori.

Come funziona Smartika? È molto semplice: il Richiedente si iscrive alla piattaforma (accedi da qui) e invia una richiesta di prestito, quindi inoltra alla società la documentazione richiesta per essere sottoposto a valutazione. La società, dal canto suo, fa tutti i controlli del caso, soprattutto verificando l’affidabilità creditizia del soggetto richiedente, ovvero la capacità del soggetto di restituire il denaro prestato. Smartika utilizzerà la documentazione per assegnare al soggetto un rating di merito creditizio, che poi andrà a creare il profilo di rischio.

Dall’altro lato troviamo il Prestatore, ovvero l’investitore che vuole usufruire di questa nuova tipologia di investimento sui prestiti. Naturalmente, anche lui dovrà iscriversi alla piattaforma e quindi scegliere i tipi di offerte di prestito, il mercato sul quale investire, l’importo e il tasso di interesse.

Smartika è sicuro?

Quando si vuole presentare un progetto o effettuare un investimento e si entra quindi in un contesto terzo, la domanda più frequente di chi vuole approcciarsi al nuovo ambiente è la seguente: è sicuro?

Smartika è un istituto di pagamento regolamentato e vigilato da Banca d’Italia, pertanto l’attività è costantemente sottoposta a un sistema di controlli e monitoraggio: inoltre, dal 2018, fa parte del Gruppo Sella, che è un istituto molto solido (CET1 Ratio al 31 marzo 2022 è del 15,43%, quello richiesto dalla normativa è del 7%).

Chiedere un prestito su Smartika: come funziona? Requisiti, documenti e domanda

Ovviamente non tutti possono presentarsi sulla piattaforma di Smartika e chiedere un prestito. Per farlo è necessario possedere determinati requisiti e seguire una specifica procedura. Per chiedere un prestito su Smartika devi avere:

  • Identità confermabile
  • Conto corrente bancario o postale intestato o cointestato
  • Reddito da lavoro dimostrabile
  • Età maggiore dei 18 anni e minore di 75 anni al termine del prestito.

Di contro, non potrai chiedere un prestito su Smartika se hai:

  • Gravi precedenti di insolvenza
  • Elevati livelli di indebitamento
  • Reddito non sufficiente a sostenere la rata.

L’importo minimo richiedibile è di 1.000 €, quello massimo è di 20.000 €. Il rimborso può avvenire da un minimo di 12 mesi (1 anno) fino a un massimo di 84 mesi (7 anni). Iscrivendoti al portale (qui la pagina ufficiale) e presentando la tua proposta, dovrai inviare della documentazione e fornire informazioni sul reddito e sulle finalità del prestito: quindi potrai ottenere l’offerta migliore, ovvero il tasso di interesse più conveniente. A quel punto, se la richiesta sarà valutata idonea, potrai proseguire con la richiesta online. Potrai quindi aprire un conto di pagamento (Smartika si appoggia al Gruppo Sella) e inviare i documenti richiesti (identità, reddito e altri). Smartika si occuperò di effettuare i controlli del caso: solitamente ci vogliono alcuni giorni. Dopo questa fase ti sarà comunicato l’esito della richiesta. Se positivo, riceverai il contratto da firmare che dovrai inoltrare per ottenere l’importo richiesto sul tuo conto e utilizzarlo. Sul conto avverrà poi in automatico l’addebito della rata che ogni mese dovrai corrispondere ai Prestatori: della ripartizione delle quote (quota capitale + interessi) se ne occuperà Smartika. Infine, potrai decidere in qualsiasi momento di estinguere il prestito e non dovrai pagare alcuna penale.

Per quanto riguarda la privacy, non hai nulla di cui preoccuparti: il tuo nome e il tuo indirizzo saranno visibili solamente a Smartika e non saranno resi noti ai Prestatori. Questo è un altro aspetto molto importante da considerare, visto quello che avviene quando si richiede un prestito nella forma tradizionale.

Non manca inoltre la polizza assicurativa (facoltativa) Creditor Protection Insurance, che protegge da eventi dannosi che potrebbero limitare la capacità di rimborso e che coprono i prestiti da 1 a 84 mesi, quindi fino al massimo della tempistica disponibile.

Prima di iniziare ti consigliamo comunque di consultare tutta l’informativa presente sul sito di Smartika: dalla terminologia presente in un accurato Glossario, per avere sempre chiaro quello di cui si parla, fino alle varie condizioni di partecipazione. Sotto questo aspetto, la trasparenza informativa offerta da Smartika è completa e dettagliata e troviamo molto utile anche la presenza di un Test, un questionario che ti aiuta a capire se hai compreso come funziona la piattaforma e avere quindi ben chiare le idee prima di procedere.

Infine, potrai anche effettuare una simulazione del prestito che intendi richiedere, per capire qual è la rata mensile che dovrai restituire e quindi se avrai la capacità economica di sostenere questa richiesta di finanziamento. Dovrai solo inserire l’importo richiesto, la durata del prestito e il simulatore ti fornirà (indicativamente) l’importo della rata mensile da corrispondere.

Facendo un rapido e pratico esempio, richiedendo 15.000 € da restituire in 60 mesi (5 anni), dovrai corrispondere una rata mensile da 288 € (le condizioni economiche possono mutare in base al profilo di rischio associato).

Investire sui prestiti con Smartika: come funziona

Se sei un investitore, la prima cosa che devi fare è registrarti sul portale (fallo da qui). Quindi dovrai scegliere la somma da prestare: l’importo minimo richiesto è di 100 €, quello massimo è di 75.000 €. Quindi dovrai scegliere la classe di rischio, tra 3 mercati disponibili, a ciascuno dei quali è associato un profilo di rischio:

  • Conservative (Rischio Moderato: 4,07% (tasso annuo lordo*)
  • Balanced (Rischio Medio): 6,56% (tasso annuo lordo*)
  • Dynamic (Rischio Superiore): 8,82% (tasso annuo lordo*)

* Tasso annuo lordo calcolato sulla media dei TAN dei finanziamenti erogati sulla piattaforma nel periodo settembre-dicembre 2021 in base alla classe di rischio di riferimento. Si tratta di una media indicativa e rapportata a un preciso periodo e come tale va considerata.

In seguito dovrai indicare il rendimento, grazie al range dei tassi di interesse su cui investire che Smartika ti indica, al fine di permetterti di rapportare il rendimento al profilo di rischio. Inoltre, come precisa la piattaforma potrai anche investire solo su alcuni mercati, tramite un investimento su misura.

Con Smartika potrai quindi diversificare i tuoi investimenti, e puntare soprattutto su mercati non penalizzati dalla volatilità (alti e bassi) perché i prestiti tra privati non sono condizionati dall’andamento dei mercati. L’unico rischio è che il soggetto che ha richiesto il prestito non paghi, ma anche in questo caso non devi preoccuparti di nulla: in caso di insolvenza, infatti, l’attività di recupero crediti sarà gestita da Smartika.

Come funziona investire su Smartika? Il meccanismo è molto semplice: non presti a un soggetto solo, ma eroghi una somma, che sarà poi ripartita ai Prestatori in base alle condizioni che hai inserito e alle caratteristiche scelte. Ogni mese i Richiedenti pagheranno la rata di rimborso, che Smartika si occuperà di distribuire: quota capitale e interessi.

Potrai tenere conto dei tuoi investimenti nell’area riservata MySmartika, sulla piattaforma, dove potrai anche cedere i tuoi crediti ad altri Prestatori, nel caso tu abbia bisogno di liquidità, oppure rendere automatico il circolo delle somme che hai deciso di investire, mantenendo invariate le categorie selezionate.  Inoltre potrai anche investire sul mercato secondario dei prestiti tramite la funzione Rientro Anticipato.

Il rendimento non è prefissato, visto che si parla di un mercato dinamico e inoltre è variabile in base al mercato scelto e quindi al profilo di rischio.

Tassazione guadagni e commissioni

Come vengono tassati i guadagni? Come per altre piattaforme che operano in questo contesto, anche qui si applica la ritenuta fiscale del 26% sugli interessi. Smartika funge da sostituto d’imposta. Tu dovrai dichiarare i guadagni in dichiarazione dei redditi. Per ulteriori informazioni fiscali, ti consigliamo comunque di contattare il tuo commercialista o il tuo contabile di fiducia.

Sotto l’aspetto delle commissioni, in qualità di prestatore sarai tenuto a pagare una commissione dell’1% su base annua sulla somma in prestito. Per quelle già ripagate o non ancora prestate, invece, non dovrai pagare nulla. La commissione si calcola su base giornaliere e l’addebito viene ogni mese direttamente dal conto di pagamento.

Smartika opinioni

Il nostro parere su Smartika è tendenzialmente positivo: si tratta di una delle prime piattaforme di social lending in Italia e inoltre ha un aspetto ecosostenibile e green che ci piace, soprattutto perché punta concretamente ai fatti tramite campagne e partnership produttive e non si limita solo alle dichiarazioni. Per chi richiede un prestito l’anonimato (nei confronti del prestatore) e i tassi di interesse bassi rispetto a quelli che proporrebbe una banca, sono due importanti punti a favore. Inoltre è possibile richiedere un prestito anche di soli 1.000 €. Ovviamente bisogna avere una storia creditizia positiva. Dal punto di vista dell’investitore, gli aspetti positivi riguardano la possibilità di diversificare il portafoglio di investimenti sui prestiti nell’immediato, e tassi di interesse molto interessanti, che ovviamente risultano diversi in base al profilo scelto.

Secondo gli utilizzatori della piattaforma che hanno voluto pubblicare un commento su Trustpilot, Smartika è buona al 56% (Eccezionale e Molto buono). Tra i commenti negativi c’è chi lamenta una scarsa assistenza clienti, chi si è visto rifiutare la richiesta di un prestito e chi lamenta scarsa professionalità, riferendosi però a una diversa gestione, precedente al 2018 (ovvero prima che Smartika entrasse a far parte del Gruppo Sella e i criteri di selezione diventassero più rigidi. Tra i lati positivi giudicati dagli utenti spuntano il supporto clienti (croce e delizia a quanto pare), gli interessi e l’intuitività della piattaforma.

Voglio richiedere un prestito su Smartika: quali requisiti devo avere?👍

✔️Devi essere maggiorenne e non dovrai avere 75 anni al termine del prestito. Inoltre devi essere titolare di un conto corrente bancario o postale intestato o cointestato ed essere titolare di reddito dimostrabile, reddito che deve essere tale da sostenere il rimborso a rate del prestito.🟢

Qual è l’importo minimo che posso chiedere in prestito? E quello massimo?💰

✔️L’importo minimo per chi richiede un prestito è di 1.000 €. Potrai chiedere fino a 20.000 €.🟢

A quanto ammonta la durata massima del prestito?

✔️La durata massima del prestito ammonta a 84 mesi (7 anni). La durata del prestito, nel dettaglio, può essere di 12, 24, 36, 48, 60, 72 o 84 mesi. Non sono previste durate intermedie. Potrai comunque estinguere il prestito in anticipo senza pagare alcuna penale.🟢

Il Prestatore saprà chi sono?🔒

✔️No, i tuoi dati saranno visibili solo a Smartika.🟢

Servono requisiti particolari per investire con Smartika?👍

✔️Per iniziare a investire sui prestiti con Smartika, devi essere maggiorenne, essere residente in Italia, avere un conto corrente bancario o postale intestato in Italia.🟢

❓Qual è l’importo minimo che posso investire in prestiti? E quello massimo?💰

✔️Puoi iniziare a investire da un importo base di 100 € fino a un massimo di 75.000 €.🟢

Il mio investimento è protetto?💻

✔️Prima di selezionare i soggetti richiedenti un prestito, Smartika fa una perizia sulla sua storia creditizia, per valutarne l’affidabilità e accettare la richiesta. In caso di insolvenza, sarà la stessa società a occuparsi del recupero crediti.🟢

Quale rendimento devo aspettarmi investendo con Smartika?💵

✔️Non si può citare un rendimento prefissato: tutto varia in base al mercato in cui decidi di prestare e al profilo di rischio che opzioni all’inizio dell’investimento. Entrando nella tua area riservata, potrai comunque modificare il tuo piano di investimenti e ottimizzarne la diversificazione.🟢