L’apertura di un rapporto di conto corrente bancario è un vero e proprio negozio giuridico tra le parti. Si tratta di un contratto atipico regolato dal codice civile il cui nodo focale, oltre all’accettazione delle condizioni esplicite del contratto, è l’accertamento degli aventi causa. Per questo motivo, in genere, la stipula del negozio avviene con l’incontro delle parti salvo i casi in cui si possa configurare l’impedimento grave da parte di uno di esse. In quest’ultima evenienza, infatti, si potrà prevedere un’operatività tramite procura speciale a terzi.

L’apertura di un conto corrente tramite delega speciale

Non è obbligatorio, naturalmente, avere un conto corrente, ma può essere essenziale possederlo per praticità.

L’accredito degli emolumenti e del cedolino pensionistico, ad esempio, possono richiedere un conto corrente bancario di appoggio, ma se il beneficiario è impossibilitato a recarsi presso una filiale bancaria come può comportarsi?

Nel caso di impedimento grave (limitazioni fisiche importanti o la detenzione ad esempio) è possibile delegare un persona di fiducia all’accensione del conto tramite una delega speciale.

LEGGI ANCHE – Come togliere addebito su conto corrente: guida alla revoca

Non esiste un modello di delega per l’apertura del conto corrente universale; ogni istituto di credito predispone un modulo specifico oppure ritiene sufficiente una dichiarazione di procura speciale a terzi.

In ogni caso la delega per aprire un conto corrente deve contenere alcuni elementi essenziali senza i quali non è possibile procedere con l’operazione.

Come compilare correttamente una delega per apertura conto?

Nella prima parte del modello o della dichiarazione è necessario identificare il mandante dell’operazione.

L’identificazione avviene mediante l’indicazione dei dati anagrafici (nome, cognome, codice fiscale, documento di identità in corso di validità, residenza) del soggetto effettivo titolare che esprime la volontà esplicita di conferire procura speciale ad un terzo per l’apertura del conto corrente (ed, eventualmente, anche dell’amministrazione dello stesso).

A seguire è necessario identificare il procuratore mediante l’inserimento degli stessi dati già previsti in precedenza con l’aggiunta dell’eventuale rapporto di parentela.

POTREBBE INTERESSARTI – Giacenza sopra i 100 mila euro: conto corrente a rischio?

L’indicazione finale della manleva a favore dell’istituto di credito all’esecuzione delle operazioni e la firma dell’effettivo titolare e del procuratore conclude la compilazione del modello di delega per l’apertura di un conto corrente.

A corredo del modulo stesso sarà necessario produrre in originale i documenti di identità degli aventi causa ed una dichiarazione che certifica le motivazioni che impediscono la comparsa del titolare in sede di stipula contrattuale.