Il libretto di risparmio postale è un prodotto finanziario creato da Poste Italiane che si adatta ella nuove esigenze del mondo economico moderno, dato che combina le caratteristiche di un conto deposito con la possibilità di poter eseguire prelievi come se fosse un conto corrente tradizionale. Inoltre rispecchia in pieno le nuove realtà della tecno-finanza, semplificando la gestione dei bilanci familiari.

In base alla nuova normativa in materia fiscale il valore della giacenza media del libretto di risparmio postale, sarà necessario al fine del calcolo ISEE. In questa guida andremo ad evidenziare come fare e perché è importante disporre di questo valore.

Cos’è la giacenza media per il libretto postale ISEE online

giacenza media libretto postale isee

L’acronimo ISEE si riferisce all’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, un parametro che è fondamentale al fine di richiedere eventuali esenzioni fiscali o agevolazioni economiche. Per calcolare questo valore sarà necessaria la giacenza media di un conto corrente o libretto postale di risparmio. Con tale termine si indica un valore che corrisponde alla media dei soldi presenti su un conto in un mese e nell’arco dell’anno precedente. Quindi se si vuole calcolare l’ISEE nel 2020, si farà riferimento alla giacenza presente dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019.

Se si vuole conoscere la giacenza media del proprio libretto postale, sarà possibile calcolarla online, sia in modo manuale che impiegando dei software specifici. In ogni caso sarà necessario prendere come riferimento gli estratti conto digitali di ogni mese e visionare il valore di giacenza indicato al di sotto del saldo, sommandoli tra di loro e infine dividere il totale per 12.

Per i libretti di risparmio postale Smart, sarà disponibile un servizio online a cui richiedere direttamente il calcolo della giacenza media con riferimento all’anno precedente.

LEGGI ANCHE – Libretto postale: limite deposito massimo, quanti soldi si possono mettere?

Il modello richiesta giacenza media Poste Italiane

Nel caso in cui non si voglia dedicare del tempo al calcolo della giacenza media, sarà possibile richiederle quella del proprio libretto di risparmio postale direttamente presso un ufficio Postale. Grazie al sito www.poste.it, si potrà visualizzare l’ufficio Poste Italiane più vicino e gli orari di apertura, oltre a prenotare online un ticket telematico per evitare di fare la fila agli sportelli. Basterà attendere il giorno e l’ora scelto in base alla propria prenotazione e compilare il modello richiesta giacenza media Poste Italiane presso lo sportello. Lo stampato quasi sempre si ottiene subito, ma vi potranno essere dei particolari momenti nel corso dell’anno in cui sarà necessario attendere qualche minuto, oppure ritirarlo il giorno successivo.

Come richiedere la giacenza media libretto postale estinto

giacenza media libretto postale estinto

L’estinzione di un libretto di risparmio postale è l’operazione attraverso la quale viene richiesta la chiusura del prodotto finanziario, con il trasferimento dei fondi su un altro conto. Se questa operazione è avvenuta nell’arco dell’anno precedente, soggetto al calcolo ISEE, sarà necessario, ai fini fiscali, conoscere la giacenza media fino alla data di chiusura del libretto di risparmio. La domanda dovrà essere effettuata direttamente presso l’ufficio postale, da parte dell’intestatario del libretto stesso. Sarà necessario disporre del numero del libretto, del proprio documento di riconoscimento e del codice fiscale.

Un esempio del calcolo giacenza media

calcolo giacenza media esempio

Calcolare la giacenza media è un’operazione che può essere eseguita da tutti anche con un semplice foglio Excel. Di seguito riportiamo un esempio di come effettuarla.

La formula che dovrà essere eseguita è quella della somma delle singole giacenze medie per i giorni di riferimento, che sarà necessario dividere per 365.

Se immaginiamo che sul proprio conto per 50 giorni ci sono stati 1.000 €, per altri 100 giorni 500 € e per i restanti 165 giorni 600 €, il calcolo verrà eseguito in questo modo:

  • 50 x 1.000 € = 50.000 €
  • 100 x 550 € = 55.000 €
  • 165 x 600 € = 99.000 €

Il totale ricavato dalla somma delle tre medie è di 204.000 € che dovranno essere divisi per 365 giorni con un valore che sarà pari a una giacenza media sul libretto di risparmio postale pari a 558,9 €.