L’emissione del BTP Italia maggio 2025 è terminata alle ore 12 del 21 maggio 2020. Come era nelle stime, il collocamento del BTP Italia Covid è stato un successo. L’impressione che era emersa già al termine del primo giorno di collocamento riservato ai risparmiatori retail è stata poi confermata dai dati delle due successive giornate e dalla domanda degli investitori istituzionali (per loro la sola finestra valida per comprare il nuovo BTP Italia è stata dalle 10 alle 12 del 21 maggio).

Poichè ci sono arrivate tutta una serie di domande su come è andato il collocamento del BTP Italia maggio 2025 e su quale è stato il risultato finale dell’emissione, abbiamo deciso di riportare i dati finali sulla domanda.

I risultati definitivi del collocamento del BTP Italia maggio 2025 sono stati i seguenti:

  • importo complessivo emesso è stato pari a 22.297,606 milioni di euro, nuovo record storico di volume per una emissione BTP Italia. Tale importo coincide con il controvalore complessivo dei contratti di acquisto validamente conclusi alla pari sul MOT.
  • nella fase riservata ai risparmiatori retail sono stati venduti 383.966 contratti corrispondenti ad un controvalore pari a 13.997,606 milioni di euro
  • nella seconda fase riservata agli investitori istituzionali sono stati venduti 746 contratti per un controvalore emesso pari a 8.300 milioni di euro a fronte di un totale richiesto pari a 19.547 milioni di euro. In questa seconda fase il coefficiente di riparto è stato pari a circa il 42,5 per cento).

BTP Italia maggio 2025: cedola minima garantita

Tutto pronto per l’emissione del BTP Italia maggio 2020. Il collocamento del titolo indicizzato all’inflazione, fortemente voluto per finanziare gli interventi si supporto all’emergenza coronavirus, avrà inizio lunedì 18 maggio. Per conoscere tutti i dettagli della nuova emissione puoi fare riferimento ai paragrafi sottostante.

Il 15 maggio il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto codice ISIN del nuovo BTP Italia e il tasso cedolare minimo garantito di partenza. Si tratta di due informazioni che vengono sempre fornite nel pomeriggio del venerdì precedente all’avvio del collocamento.

Con comunicazione del 15 maggio, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto che il nuovo BTP Italia maggio 2020 avrà un tasso cedolare minimo garantito dell’1,40%. Confermato anche il raddoppio del premio fedeltà (come potrai leggere nei successivi paragrafi). Ricordo che la cedola reale annua definitiva verrà poi stabilita con successiva comunicazione che verrà effettuata all’apertura della quarta giornata di emissione ossia nella mattinata di giovedì 21 maggio.

BTP Italia maggio 2020 codice ISIN

Il codice ISIN assegnato alla prima parte dell’emissione del BTP Italia maggio 2020, riservata ai risparmiatori retail, è IT0005410904. Se sei interessato a comprare il BTP Italia è questo codice che dovrai tenere in considerazione. Al termine della prima fase di collocamento, ci sarà un cambio del codice ISIN di cui darò comunicazione.

BTP Italia maggio 2020 nuova emissione lunedì 18

La prima emissione 2020 del BTP Italia si terrà il prossimo 18 maggio. A comunicarlo, ufficialmente, è stato il MEF con una nota del 30 aprile. In collocamento andrà la sedicesima tranche del BTP Italia indicizzato all’inflazione. Il nuovo collocamento era atteso considerando che lo stesso Tesoro, anche ad inizio anno, aveva ribadito che ci sarebbe stata almeno una nuova emissione del BTP Italia.

Rispetto ai precedenti collocamenti, la sedicesima tranche presenta una caratteristica che è destinata a rendere unico il BTP Italia maggio 2020. A differenza di tutte le altre precedenti emissioni, quella in programma il 18 maggio ha come obiettivo la raccolta di risorse che saranno destinate interamente a finanziare le spese per l’emergenza coronavirus.

Sottoscrivere il nuovo BTP Italia, quindi, significa non solo investire i propri risparmi con l’obiettivo di maturare un rendimento, ma anche dare il proprio contributo allo sforzo che lo Stato Italiano sta compiendo per combattere il coronavirus.

Sotto questo punto di vista il nuovo titolo si pone sullo stesso filone già tracciato dal Bond Cassa Depositi e Prestiti e 3 e 7 anni anti Covid che recentemente ha fatto registrare il tutto esaurito.

BTP Italia maggio 2020: caratteristiche in pillole

Per avere chiare quelle che sono le caratteristiche della nuova emissione del BTP Italia, può esserti utile consultare il seguente elenco che contiene una serie di pillole sintetiche sulla nuova emissione. I vari punti dello specchietto saranno poi oggetto di approfondimento nei successi paragrafi.

  • Durata: 5 anni
  • Tasso reale annuo minimo garantito
  • Cedole semestrali
  • Capitale nominale garantito a scadenza anche in presenza di deflazione
  • Bonus fedeltà dell’8 per mille (contro il 4 per mille delle precedenti emissioni)
  • Inizio collocamento risparmiatori retail: lunedì 18 maggio
  • Fine collocamento risparmiatori retail: giovedì 21 maggio, no chiusura anticipata
  • Collocamento investitori istituzionali: 22 maggio

BTP Italia maggio 2020: scadenza e bonus fedeltà

Oltre alla funzione “etica”, la nuova emissione presenta un’ulteriore differenza rispetto alle precedenti tranche collocate. Il nuovo BTP Italia maggio 2020, infatti, ha una scadenza che per la prima volta sarà pari a 5 anni. Anche per questo motivo, quindi, la sedicesima tranche del titolo emesso dal Tesoro è destinata a passare alla storia.

Non solo scadenza diversa ma anche bonus fedeltà con regole differenti rispetto ai precedenti collocamenti. Nel BTP Italia maggio 2020, infatti, il premio fedeltà sarà pari all’8 per mille, praticamente il doppio rispetto al bonus delle precedenti emissioni quando il premio era fermo al 4 per mille.

Attenzione perchè puoi beneficiare del premio fedeltà dell’8% solo se terrai in portafoglio il nuovo BTP Italia fino alla data di scadenza. Insomma ad essere premiati saranno solo i risparmiatori fidelizzati.

BTP Italia maggio 2020: cedole e tasso reale minimo garantito

Altre caratteristiche peculiari della sedicesima tranche del BTP Italia sono la natura delle cedole e il tasso reale minimo garantito.

Le cedole del BTP Italia maggio 2020 sono semestrali e sono indicizzate all’indice FOI (Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, al netto dei tabacchi). All’ammontare del FOI va poi aggiunto il pagamento del recupero dell’inflazione che è avvenuto nel corso del semestre e il rimborso unico a scadenza.

Ma cosa avviene alle cedole del BTP Italia nel caso di deflazione? Cosa succede, quindi, se non si verifica lo scenario base che è quello che comunque prevede un’inflazione? In tal caso è previsto un floor che ti garantisce che le cedole pagate non siano comunque mai inferiori al tasso reale garantito definitivo. Tale valore non va confuso con il tasso reale minimo garantito verrà comunicato al pubblico venerdì 15 maggio ossia nell’ultimo giorno di scambi prima dell’avvio del collocamento che è programmato per lunedì 18 maggio.

Il tasso reale annuo definitivo verrà invece comunicato nella mattinata del 21 maggio, prima dell’avvio della seconda fase del collocamento del nuovo BTP Italia

LEGGI ANCHE – BTP Italia: come calcolare la cedola, esempio

BTP Italia maggio 2020: date collocamento

Come per le precedenti emissioni, anche la sedicesima tranche del BTP Italia maggio 2020 sarà collocata in due distinte fasi.

La prima fase ha inizio il 18 maggio e durerà tre giorni fino al 21 maggio (giovedì). Anche sulla durata della prima fase, ci sono differenze tra il nuovo BTP Italia e le precedenti emissioni. Per la prima volta, infatti, la fase del collocamento riservata ai risparmiatori retail non durerà due giorni ma ben tre. Non solo ma il nuovo BTP Italia non prevede la chiusura anticipata.

Collocamento retail spalmato in tre giorni invece di due e assenza della chiusura anticipata stanno a significare una sola cosa: il MEF punta a rastrellare quante più sottoscrizioni possibili tra i risparmiatori italiani. Obiettivo, quindi, è quello di favorire la massima partecipazione possibile all’asta.

Restano invece uguali le caratteristiche della seconda fase del collocamento, quella riservata agli istituzionali. Il regolamento dell’emissione prevede che la seconda fase si svolga in una una sola giornata: giovedì 21 maggio dalle 10.00 alle 12.00.

Nuovo BTP Italia ideale per i risparmiatori?

Dall’analisi delle caratteristiche del BTP Italia maggio 2020, emerge la presenza di tutta una serie di elementi di novità altamente persuasivi nei confronti degli investitori. L’offerta è senza limite, non è prevista chiusura anticipata, il bonus fedeltà è il doppio rispetto a quello solito, la scadenza è 5 anni. Tutte queste caratteristiche rappresentano altrettanti vantaggi per il risparmiatore.

Mai come nella nuova emissione, il BTP Italia è destinato a configurarsi come il titolo indicizzato all’inflazione ideale per i piccoli risparmiatori che sono alla ricerca di modi per allocare i proprio risparmi. I protagonisti, quindi, sono gli investitori retail mentre gli istituzionali, ma come in questo caso, svolgeranno il ruolo di comparsa.

C’è poi un altro motivo per cui il BTP Italia maggio 2020 si configura come destinazione ideale per i risparmi degli italiani. Il 23 aprile 2020, infatti, è scaduto il BTP Italia emesso nel 2014. La simultaneità tra data di scadenza del vecchio BTP e collocamento del nuovo non è un caso. L’emittente facendo convergere i due momenti nello stesso arco temporale punta a intercettare l’interesse di tutti quei sottoscrittori del BTP Italia scaduto a fine aprile, che hanno quindi liquidità da reinvestire.

Insomma con la nuova emissione, l’obiettivo del Tesoro è quello di rastrellare quante più adesioni possibili in modo tale da fare della sedicesima tranche del BTP Italia, l’emissione degli italiani interessati si ad investire ma anche a dare il contro contributo allo sforzo dello Stato contro il coronavirus.