salone del risparmio 2023 logo

Maggio è il mese del salone del Risparmio di Milano. Evento molto atteso dagli operatori del settore, da alcuni anni all’SdR tengono molto i semplici risparmiatori. Il Salone del Risparmio 2023, nello specifico, diventa un appuntamento imprescindibile alla luce dell’attuale contesto economico-finanziario.

Per questo abbiamo pensato ad un articolo-guida sull’evento. Di cosa parleremo nel prossimo paragrafo: tanto per iniziare le date precise del Salone del Risparmio 2023 di Milano ovvero quando inizia, quando finisce ma soprattutto quale è il giorno in cui il salone è aperto ai semplici risparmiatori.

Successivamente faremo riferimento al programma mettendo in risalto quelle che sono le conferenze più importanti. E per finire non può mancare un riferimento alle procedure operative. C’è fame di educazione finanziaria in Italia e questo lo conferma il fatto che un’espressione così di nicchia come salone del risparmio iscrizione sia molto cercata dagli amici risparmiatori.

Possiamo quindi iniziare.

Salone del Risparmio 2023 date e orari

Quando inizia il Salone del Risparmio 2023? L’appuntamento dedicato alla condivisione di idee e esperienze in ambito finanziario, si tiene solitamente a maggio, sempre a Milano. Le date tendono sempre a variare e per questo la prima domanda a cui gli amici risparmiatori vogliono una risposta è appunto quando inizia quest’anno il Salone del Risparmio.

Tutto è stato già deciso: l’SdR23 si svolgerà il 16, 17 e 18 maggio presso Allianz MiCo – Ala Sud a Milano. L’evento quindi dura 3 giorni ma saranno tre giornate fittissime di appuntamenti collaterali anche perchè l’orario in cui l’evento si terrà è continuato con apertura alle 8,45 e chiusura alle 19,00. Singolare la scelta di far ricadere l’inizio del Salone di martedì.

Salone del Risparmio 2023 in streaming

Verso SdR 2023 locandina promo

Già nelle scorse edizioni, c’è stata una domanda di iscrizioni molto alta (a dimostrazione dell’interesse verso il tema della crescita finanziaria). Per questo motivo chi non potesse partecipare al Salone dal vivo, può comunque accedere allo streaming. Tutte le conferenze che si terranno nell’ambito del Salone del Risparmio 2023 si possono vedere su in diretta streaming su FR|Vision. Non solo ma le conferenze resteranno disponibili in piattaforma anche al termine dell’evento.

Programma Salone del Risparmio 2023

Tre giorni fittissimi di conferenze che, al di là dell’indiscutibile valore formativo, sono soprattutto occasioni per stabilire nuove collaborazioni, per una valorizzare del proprio know-how e per l’aggiornamento su tematiche riguardanti settori fondamentali come il risparmio gestito o l’ambito fiscale.

Il titolo scelto per il Salone del Risparmio 2023 è la sintesi del programma dell’evento: “Il risparmio oltre la crisi: accompagnare l’investitore verso scelte consapevoli”.

Tantissime le conferenze previste nel programma 2023 del Salone. Impossibile citarle tutte e quindi rimandiamo alla pagina specifica del sito istituzionale dell’evento dove è anche possibile filtrare le conferenze restringendo la ricerca solo su aree e tematiche di proprio interesse.

Ad esempio scegliendo come percorso Asset Allocation si ottengono i seguenti risultati:

  • Il potere dell’intelligenza artificiale, opportunità per un futuro migliore
  • Ciak Azioni! La qualità protagonista dei portafogli azionari
  • Globalizzazione e Deglobalizzazione: il mondo a un bivio. Quali scenari all’orizzonte e quali impatti sui mercati finanziari
  • Mantenere la rotta quando un equilibrio è instabile: la forza dei bond
  • Tensioni geopolitiche, inflazione e politiche monetarie: quali strategie di investimento per il futuro
  • Sfida al BTP
  • Cedole VS Mattone: dove va la vera redditività
  • Alto rendimento facciamo i conti dopo i tassi zero

e cosi via.

I Percorsi tematici del Salone del Risparmio 2023 sono 7:

  • Asset Allocation e strategie di investimento
  • Mercati privati ed economia reale
  • Distribuzione e consulenza
  • Sostenibilità e capitale umano
  • Previdenza complementare
  • Educazione e Formazione
  • Innovazione e Digitalizzazione

Per quello che riguarda i relatori più importanti che parteciperanno al Salone del Risparmio 2023 non c’è che l’imbarazzo della scelta ed è sufficiente fare una ricerca sul sito istituzionale. Ci saranno ad esempio il ministro Giorgetti, l’ex ministro Franco, Carlo Trabattoni di Assogestioni, Giovanni Sandri di BlackRock Italia, Massimo Antonio Doris di Banca Mediolanum e i rappresentanti dei migliori gestori patrimoniali 2023.

Salone del Risparmio 2023 iscrizione

Iscrizione Salone del Risparmio 2023

Come nelle precedenti edizioni, anche per quello che riguarda il SdR2023 è necessaria l’iscrizione per partecipare all’evento.

L’operazione è molto semplice da eseguire. I già registrati dovranno solo iscriversi mentre chi non è registrato dovrà compilare un breve form specificando anzitutto in che qualità avviene l’iscrizione. Si può scegliere tra:

  • operatore del settore (il profilo viene sottoposto a verifica per la questione delle giornate riservate)
  • risparmiatore
  • giornalista
  • studente universitario

Una volta flaggata la figura di interesse è necessario seguire la proceduta guidata per l’iscrizione al termine della quale si avrà login/pass e quindi l’accesso all’evento.

Salone del Risparmio 2023 conviene partecipare?

La scelta se andare al Salone del Risparmio 2023 è personale. Tuttavia come sito di risparmio, ci preme evidenziare come in Italia ci sia un grande problema di alfabetizzazione finanziaria e quindi soprattutto i più giovani dovrebbero farci un pensierino.

Come commentato da Trabattoni di Assogestioni: anche gli ultimi dati pubblicati a livello europeo hanno confermato “ancora la limitata alfabetizzazione finanziaria in ItaliaIl livello rimane contenuto in tutte le fasce della popolazione, ma si rivela particolarmente acuto in alcuni segmenti più vulnerabili, tra cui i più giovaniVogliamo concentrarci proprio sui più giovani, raggiungendoli, coinvolgendoli ed informandoli anche con i canali digitali a loro oggi più famigliari“.

Non serve aggiungere altro.