Il risparmio aumenta sotto diverse forme in Italia, anche se c’è la paura di tasse improvvise (leggi: patrimoniale) sul conto corrente. Il Covid, però, fa più paura, soprattutto ai soldi messi da parte. L’ultimo bollettino dell’Abi è significativo in tal senso e ancora più pregnante sarà quello di novembre. Certo è l’incremento nella raccolta dei depositi e il calo nella raccolta obbligazionaria rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Conto corrente: risparmio e accantonamenti settembre 2020, il bollettino Abi

conto corrente risparmio accantonamenti

“In Italia i depositi (in conto corrente, certificati di deposito, pronti contro termine) sono aumentati, a settembre 2020, di oltre 125 miliardi di euro rispetto a un anno prima (variazione pari a +8,0% su base annuale)”, a quota 1.682 miliardi, si legge nella nota. In calo invece “la raccolta a medio e lungo termine, cioè tramite obbligazioni”, che è scesa nell’ultimo anno “di circa 15 miliardi di euro in valore assoluto (pari a -6,3%). Concludendo, “la dinamica della raccolta complessiva (depositi da clientela residente e obbligazioni) risulta in crescita del +6,1% a settembre 2020”.

Conti online a confronto

55555
  • Operazioni telematiche gratuite
  • Commissione 2% sui prelievi
  • Limiti prelievo 600 €/giorno
  • Servizio assistenza
Leggi la Recensione oppure Vai al sito →
55555
  • Help Center
  • Prelievi gratis (fino a 4/6 operazioni)
  • Costi 1,5 €/m (Start) o 5 €/m (Premium)
  • Gestione online
Leggi la Recensione oppure Vai al sito →
55555
  • ✔️ IBAN italiano
  • ✔️ Circuito Mastercard
  • ✔️ Canone gratis
  • ✔️ Versione business
Leggi la Recensione oppure Vai al sito →

La tendenza ad accantonare i soldi era già in crescita tra le imprese più grandi prima della stagione estiva. “I dubbi sul vigore che avrebbe potuto avere la ripresa e i timori per una nuova crisi di liquidità legata a lockdown anche solo localizzati in alcune aree ha spinto gli imprenditori alla prudenza”, scrive Laura Serafini su Il Sole 24 Ore.

LEGGI ANCHE – Conto corrente sempre più ricco: aumenta il risparmio privato in Italia

Sempre per quanto riguarda il mese di settembre 2020 “il tasso di interesse medio sul totale della raccolta bancaria da clientela (somma di depositi, obbligazioni e pronti contro termine in euro a famiglie e società non finanziarie) è in Italia lo 0,52%”, valore stabile e invariato rispetto al mese precedente. Ciò, spiega l’Abi, è effetto e risultato dei seguenti elementi:

  • Tasso praticato sui depositi (conti correnti, depositi a risparmio e certificati di deposito), 0,33% (0,34% nel mese precedente);
  • Tasso sui PCT, che si colloca a 1,06% (0,93% il mese precedente);
  • Rendimento delle obbligazioni in essere, 1,99% (1,98% ad agosto 2020).