Se sei una partita Iva / libero professionista o un esercente e vorresti iniziare ad accettare i pagamenti elettronici, il bonus bancomat 2021 ideato dal governo Draghi potrebbe esserti di grande aiuto. Uno dei motivi per cui molti titolari di aziende continuano a non accettare pagamenti tramite POS riguarda gli spesso alti costi di gestione delle operazioni.

Come dimostrato già all’epoca del cashback di stato, le commissioni dovute sui piccoli pagamenti hanno spinto molti commercianti a non accettare le operazioni con il POS. Non parliamo poi dei professionisti e delle piccole partite IVA per i quali il POS significa solo costi.

In realtà sia l’approccio dei commercianti che quello delle piccole partite IVA rischia di far perdere un’importante occasione ad entrambe le categorie. Il motivo è semplice: i pagamenti con il bancomat saranno sempre più richiesti in futuro e il rischio di perdere clienti perchè non si ha il POS è crescente.

Per evitare tutto questo è consigliabile approfittare del Bonus Bancomat 2021 varato dal governo. Sicuramente avrai sentito parlare di questo incentivo che riguarda solo lato venditore (e non il consumatore) e magari vorresti saperne di più. Questa guida nasce proprio con questo obiettivo: fornire tutte le informazioni necessarie sul Bonus Bancomat 2021 ossia come funziona, come si richiede e a quanto ammonta.

Nella seconda parte delle guida, invece, troverai invece alcuni consigli sui migliori POS senza commissioni presenti oggi sul mercato. Ti possiamo già anticipare che tra i POS più interessanti che possono essere installati chiedendo il bonus bancomat 2021 c’è Axerve (qui il sito ufficiale). Ma su questo torneremo più avanti.

Iniziamo allora dalla domanda-base: come funziona il Bonus Bancomat 2021?

Come funziona il Bonus Bancomat 2021?

Bonus bancomat 2021

Il Bonus Bancomat 2021 è una strategia del governo volta ad incentivare la tranciabilità dei pagamenti. A differenza del cashback di stato (sospeso dall’1 luglio 2021), questo sistema va ad agevolare solo i possessori di partita IVA e gli esercenti.
In particolare ne possono usufruire tutte le attività che effettuano dei servizi o delle cessazioni di beni materiali nei confronti del cliente, ovvero del consumatore finale.
I proprietari delle aziende per avere questo tipo di agevolazione devono dotarsi di POS o di qualsiasi altro tipo di strumento che permetta di effettuare un pagamento in maniera elettronica. Inoltre il bonus bancomat 2021 è valido anche per chi acquista uno strumento di pagamento evoluto che consente allo stesso tempo sia di memorizzare la transazione sia di effettuare la trasmissione telematica del movimento economico svolto.
L’agevolazione è usufruibile per il periodo che va dal primo luglio 2021 al 30 Giugno 2022 e può avere un importo massimo di 320 eur.

Come si richiede il Bonus Bancomat 2021?

Per richiedere il bonus bancomat, a differenza di altri tipi di incentivi, non si deve effettuare alcun tipo di registrazione, nè su un sito internet ad hoc nè attraverso app di riferimento.
Infatti, visto che il Bonus Bancomat 2021 prevede che le transazioni vengano memorizzate e trasmette direttamente in maniera telematica, sarà possibile avere il rimborso sotto la forma di credito d’imposta attraverso la dichiarazione di reddito da svolgere. La cosa importante è quella di attrezzarsi in maniera adeguata e soddisfare tutti i requisiti richiesti per avere un rimborso pari al 100% delle commissioni.
Inoltre, è doveroso documentare la spesa relativa all’acquisto dello strumento necessario per accettare i pagamenti elettronici coma ad esempio il POS Axerve (qui il sito ufficiale).

Attiva subito un POS senza commissioni>>>clicca qui per accedere a Easy

Bonus Bancomat 2021: 160 o 320 euro?

Per quanto riguarda il limite massimo di Bonus erogabile bisogna fare una distinzione tra chi usufruisce di un semplice POS per effettuare le transazioni elettroniche e tra chi, invece, utilizza dei sistemi che permettono tanto di memorizzare le operazioni quanto di trasmetterle immediatamente in maniera telematica il movimento economico.
Nel primo caso il credito di imposta massimo è di 160 euro ed è erogabile fino al 70% per i soggetti che nel periodo precedente hanno avuto un ricavo inferiore ai duecentomila euro.

I soggetti che, invece, hanno avuto un introito compreso tra i duecentomila e il milione di euro possono usufruire del 40% del rimborso. Infine, è previsto il 10% per coloro che hanno avuto un’entrata che va da un milione fino a cinque milioni di euro.
Nella seconda opzione, l’importo massimo del Bonus Bancomat 2021 è di 320 euro e prevede un’erogazione al 100% per tutti coloro che hanno un ricavo inferiore ai duecentomila euro. Il 70% del bonus è invece previsto per i soggetti che hanno un incasso che sia compreso tra i duecentomila e il milione di euro, mentre è concesso il 40% del contributo a coloro che hanno un introito che si attesti nel range che va da un milione ai cinque milioni di euro.

Insomma, a prescindere dall’entità del rimborso del bonus bancomat, l’incentivo si configura comunque come credito di imposta.

Quale POS scegliere per il Bonus Bancomat 2021?

In passato esistevano soltanto dei POS che richiedevano il pagamento di alte commissioni. Questa criticità a lungo tempo ha spinto molti commercianti ad evitare di munirsi di questo sistema di pagamento.
Oggi, per fortuna, esistono in commercio numerose tipologie di POS che consentono di effettuare delle transazioni senza aggiungere i costi di commissioni. Questo sistema permette al proprietario di un’azienda di fornire al consumatore finale un metodo di pagamento elettronico funzionale ed efficiente che allo stesso tempo permette, però, al commerciante stesso di risparmiare notevolmente rispetto ai più classici POS in circolazione.

In realtà i POS senza commissioni non sono completamente gratuiti, ma le pesanti percentuali da versare per ogni transazione effettuata vengono sostituite da un canone fisso a cui non viene aggiunto alcun altro tipo di costo. Questa operazione se da un lato permette ai clienti di trovare un metodo di pagamento sicuro e veloce, dall’altro offre la possibilità ai negozianti di incrementare il guadagno.
Il canone fisso il più delle volte comprende il noleggio del POS, la scheda per effettuare il collegamento con il terminale, la configurazione necessaria nella fase iniziale per far funzionare in maniera corretta il dispositivo, nonché l’assistenza gratuita per ogni tipo di manutenzione da effettuare.

Uno dei POS che sta riscontrando maggiore successo tra i commercianti è sicuramente Axerve che offre una soluzione di pagamento ideata per accompagnarti in tutte le situazioni grazie alla connettività 4G e Wifi. Essendo un Pos senza commissioni, la tariffa è senza sorprese così puoi gestire la tua impresa con serenità.

Invia ad Axerve la richiesta per chiedere un POS senza commissioni>>>clicca qui

Si può chiedere il Bonus Bancomat 2021 con Axerve?

I negozianti che vogliono usufruire del Bonus Bancomat 2021 possono optare per l’acquisto di un POS Axerve (qui il sito ufficiale).

Si tratta di un prodotto sicuro ed affidabile che grazie alle tecnologie di ultima generazione permette di utilizzare lo stesso in qualsiasi posto e a costi estremamente vantaggiosi per il negoziante. Il sistema, infatti, presenta un scheda sim integrata che permette l’utilizzo del POS in qualsiasi posto, essendo collegato direttamente al conto corrente dell’azienda. Inoltre, possiede una batteria a litio che è in grado di offrire una lunga durata.
Axerve offre alla propria clientela la possibilità di utilizzare due tipologie di pacchetti appositamente pensati per soddisfare le esigenze di tutti.

La prima opzione ha solo il costo del canone fisso mensile di 17 euro più IVA ed è utilizzabile fino ad un massimo di diecimila euro di transazioni, mentre la seconda soluzione prevede un abbonamento di 22 euro più IVA che permette di effettuare transazioni che possono avere un ammontare complessivo di trentamila euro.
Le aziende che, invece, solitamente non effettuano un numero importanti di transazioni possono optare per la soluzione che prevede il pagamento di una commissione pari all’1% del valore del pagamento senza canone fisso.

LEGGI ANCHE >>> I migliori Pos con e senza canone: la classifica [2021]

In conclusione se come commerciante o libero professionista vuoi iniziare ad accettare i pagamenti elettronici, questo è il momento giusto per dotarti di Pos grazie alle agevolazioni del nuovo bonus bancomat 2021 ideato dal governo Draghi. Axerve, con la sua soluzione senza commissioni (clicca qui per maggiori informazioni), può essere la soluzione ideale.