Ci sono alcune sentenze che dicono una cosa, mentre altri giudici ne dicono una diversa. Tra le questioni abbastanza dibattute ci sono i termini di prescrizione dei buoni fruttiferi postali. Ad esempio, potresti aver sottoscritto i buoni postali A1 e ti potrebbe sorgere un interrogativo: quali sono i tempi di prescrizione per tali buoni e quando inizia esattamente tale conteggio? Per fortuna, una recente sentenza della Cassazione ha chiarito questi dubbi. Vediamo di capire più in dettaglio.

Buoni fruttiferi postali: quanto dura il periodo di prescrizione

prescrizione buoni fruttiferi postali

Se si tratta di buoni fruttiferi postali, in particolare della serie AA1, la durata standard del periodo di prescrizione è di 10 anni. Passato questo tempo, l’investitore perde il diritto a riscattare il buono. Tuttavia, la questione controversa che emerge è determinare il momento preciso da cui inizia a scorrere il periodo di prescrizione.

Quando inizia il termine di prescrizione dei buoni fruttiferi postali A1

Per i buoni postali della serie A1, la prescrizione per il riscatto inizia a scorrere sei anni dopo la data di emissione. Questa è l’affermazione essenziale della sentenza della Cassazione: stiamo parlando più precisamente, per chi vuole leggerla integralmente, della sentenza n. 19243/2023, depositata il 7 luglio 2023. Contrariamente a quanto alcuni giudici ritengono, la prescrizione non si applica all’anno solare. Secondo la Cassazione, come scrive anche LaLeggePerTutti, la prescrizione inizia il giorno successivo al sesto anno di emissione del buono.

Cosa dice la normativa

I riferimenti legislativi pertinenti in questo caso si trovano negli articoli 8 e 18 del decreto ministeriale del 19 dicembre 2000. La Cassazione, interpretando tali articoli, ha fornito la seguente spiegazione: i buoni fruttiferi postali vengono liquidati, sia in capitale che in interessi, alla scadenza prevista nel decreto di emissione della serie relativa, che per i buoni della serie AA1, avviene “al termine” di scadenza, il “sesto anno successivo a quello di emissione“. Da questa “data di scadenza” inizia quindi il decorso del termine di prescrizione decennale dei diritti dei titolari alla liquidazione del capitale e degli interessi.

LEGGI ANCHE >>> Buoni fruttiferi postali: quando non si prescrivono, il caso

Questa precisazione è estremamente importante per i sottoscrittori di buoni postali A1. Implica che la prescrizione inizia a decorrere non alla fine dell’anno solare, ma alla fine del sesto anno dall’emissione del buono. Quindi, l’inizio del periodo di prescrizione può variare a seconda della data specifica di emissione del buono.

Resta aggiornato sulle novità sui buoni fruttiferi postali Canale Telegram